Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Napoli-incidente-assalto-ambulanza-ff52dd15-dcd2-4a61-96c2-c9f19926f5cb.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

La nuova ipotesi

Napoli, assalto all'ambulanza. La polizia: "È stato un incidente"

Sulla vicenda dell'ambulanza presa d'assalto lo scorso 12 maggio a Napoli, si fa strada l'ipotesi di un incidente. Il sindaco di Napoli de Magistris replica: "Ora ci aspettiamo delle scuse"

Condividi
Si era pensato a un atto di violenza. Si era ipotizzato che un passante, armato di un paletto di ferro, avesse rotto il vetro dell'ambulanza. Il presidente dell'Ordine dei medici di Napoli Silvestro Scotti aveva commentato la vicenda con parole durissime: "Per i medici e per chi in generale lavora per la salute dei cittadini, Napoli è come Raqqa", aveva detto.  E invece quello accaduto sabato scorso a Napoli a un'ambulanza della Croce Rossa italiana sembra essere stato solo un incidente.

Secondo quanto trapela dalle indagini della Polizia, l'ipotesi incidente sarebbe, infatti, sempre più concreta. Forse l'ambulanza, per accelerare i tempi, avrebbe tagliato la parte centrale pedonalizzata della piazza trascinando nella corsa una fune attaccata a un palo di ferro, lo stesso palo che avrebbe poi urtato la fiancata della vettura.

La replica del sindaco de Magistris
Il sindaco Luigi de Magistris si è rivolto al Presidente dell'Ordine dei Medici di Napoli: "Fermo restando - ha dichiarato a margine del Comitato per l'ordine pubblico sulla movida cittadina che si è tenuto stamani in Prefettura - che affermare in generale che Napoli è come Raqqa è un'offesa inaccettabile, sia perché si manca di rispetto nei confronti di una città che è stata distrutta da una guerra, dal terrorismo, dall'Isis, e conta decine di migliaia di morti, sia perché si offende Napoli con un'offesa inqualificabile".

"Bisogna stare attenti - ha sottolineato de Magistris - una frase del genere è andata in apertura sui principali tg del Paese. E quindi è un danno, e quando i danni sono gravi si può anche essere chiamati a risarcire, specie quando non arrivano le scuse. Per cui ci aspetteremmo, sarebbe un gesto di onestà intellettuale, che una volta accertata la verità sui fatti dell'ambulanza si chieda scusa non a de Magistris ma alla città". 
Condividi