Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Napoli-riapre-pizzeria-Sorbillo-dopo-la-bomba-pizze-gratis-per-tutti.-Sorbillo-non-ci-scoraggiamo-672a0dcc-c8a7-436f-b218-1f073774dc55.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Contro la criminalità

Napoli, riapre pizzeria Sorbillo dopo la bomba. Pizze gratis per tutti. Sorbillo: Non ci scoraggiamo

Decine e decine sono le pizze marinare che sono state sfornate e offerte in strada. Martedì scorso un ordigno aveva sventrato la saracinesca dello storico locale

Condividi
Ha riaperto con una festa di popolo la pizzeria Sorbillo in via Tribunali dopo la bomba fatta esplodere la scorsa settimana. E per festeggiare sono state offerte pizze gratis a quanti si erano dati qui appuntamento e ai turisti di passaggio che non hanno rinunciato a un trancio. Decine e decine sono le pizze marinare che sono state sfornate e offerte in strada.

Gino Sorbillo: "Con la denuncia Napoli si risolleva"
"Noi non ci scoraggiamo - ha detto Gino Sorbillo - e oggi festeggiamo con una semplice marinara per i napoletani che tanto amo, che amano fare rete, che amano la normalità e la legalità, che amano le proprie strade in cui si sentono sicuri fatta eccezione per qualche episodio". "I napoletani - ha aggiunto - non hanno difficoltà a denunciare perché solo attraverso la denuncia Napoli si può risollevare e attraverso la bonifica dei vicoletti con luci e telecamere, perché non devono esistere strade di serie A e B. La rete, denuncia e legalità faranno risollevare Napoli".



Assessore Clemente: "Riscatto al posto della rassegnazione"
"Oggi siamo qui a testimoniare il segno forte che questo territorio da anni ha sostituito la parola rassegnazione con la parola riscatto". Così l'assessore comunale ai Giovani, Alessandra Clemente, presente alla riapertura della pizzeria Sorbillo. Clemente ha sottolineato che "da anni sono ormai molti i commercianti che hanno scelto di non convivere con la criminalità e di affidarsi con la denuncia a pagine importanti della nostra democrazia. Oggi questa riapertura - ha aggiunto - vuole dire essere più forti". Dall'esponente della Giunta de Magistris è stato rivolto un ringraziamento a Gino Sorbillo "che con la sua mediaticita' e capacità di essere in grado di raccontare a livello nazionale la sua indisponibilità ad accettare minacce, dà forza e coraggio a tante persone che le devono ancora trovare e dà impulso a quanti devono impegnarsi per dare strumenti e fare prevenzione, ma - ha sottolineato -  soprattutto dà un'immagine molto bella di noi napoletani che non siamo vittime ma da vittime siamo in grado di avere sempre il volto alto". "Napoli - ha concluso Clemente - non è città dei delinquenti e dei camorristi ma è una città che ogni giorno si mette in discussione e che lancia un messaggio ad altri territori che sono attraversati da queste dinamiche: l'unica scelta e' stare dalla parte dello Stato e affidarsi alla giustizia".

Le immagini dell'attentato
Un uomo che piazza un ordigno davanti la pizzeria Sorbillo in via Tribunali prima di scappare nella vicina via Atri. Alcuni secondi dopo la deflagrazione che ha causato danni al noto locale del centro storico. È quanto ripreso da alcune telecamere di videosorveglianza poste all'esterno della pizzeria di Gino Sorbillo. A diffondere il video è stato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli.  Nel video si vede uomo che si avvicina lentamente alla pizzeria, ha un cappello e cammina a testa bassa, si inginocchia, posa la bomba, accende la miccia e schizza via di corsa, velocissimo.

Condividi