SALUTE

Prevenzione

Natale sicuro: le 15 regole d'oro per evitare malanni

Condividi
Roma
L’influenza quest’anno è parecchio in ritardo, grazie alle temperature molto alte: ma sono molti gli altri rischi durante il periodo natalizio, le infezioni passano anche per quello che mangiamo, e abbuffate, orari sregolati, viaggi possono mettere a rischio la nostra salute. Ecco allora i consigli di  WAidid, Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici, per affrontare al meglio questo periodo festivo.

1. Il menù di Natale deve essere buono ma anche sano: evitate cibi troppo elaborati e limitate il consumo di salame e insaccati vari che, insieme alle conserve di frutta e verdura fatte in casa senza rispettare le regole di conservazione, possono essere all’origine di intossicazioni importanti come il botulismo.

2. Nel preparare il cenone di Natale, adottate una serie di comportamenti corretti e prudenti: lavate bene le mani prima di manipolare qualsiasi alimento; cuocete bene i cibi in modo che anche le parti interne raggiungano una temperatura di 70 gradi e consumateli subito dopo la cottura, senza farli freddare per poi riscaldarli; evitate ogni contatto fra cibi crudi e cotti.

3. Fate attenzione alle uova crude e alle verdure non lavate: con questi alimenti uno dei rischi più frequenti è la salmonellosi, un’intossicazione caratterizzata da sintomi quali nausea, vomito e dolori addominali. I derivati di uova crude, poi, come gelati e dolci alla crema, oltre alla maionese e salse varie, sono alimenti responsabili delle intossicazioni da Staphylococcus aureus.

4. Pericolo allergie e manifestazioni gastrointestinali con pesce e molluschi crudi che possono essere portatori di un parassita, l’Anisakis, nocivo per l’essere umano.

5. Non esagerate con panettoni e cioccolata: è importante scegliere prodotti di buona qualità e tenere presente che in alcuni soggetti, soprattutto se atopici, il cioccolato, consumato in quantità eccessive, può dare reazioni allergiche. 

6. A fine cenone ricordate la regola delle 2 ore: non consumate cibi avanzati (precedentemente riscaldati o raffreddati) se rimasti a temperatura ambiente per più di 2 ore, in caso di ambienti surriscaldati il tempo si riduce ad 1 ora; se invece volete conservarli per i giorni successivi è raccomandabile congelarli sempre entro 2 ore.

7. Riducete il tempo della TV e dei videogiochi, approfittando delle vacanze, per fare gite e passeggiate all’aria aperta.

8. Mantenete uno stile di vita sano e fate sport: l’attività fisica è fondamentale per prevenire il sovrappeso, l’obesità e le malattie cardiocircolatorie. 

9. Non esagerate, però, con lo sport se normalmente conducete una vita sedentaria: strappi muscolari e fratture sono i principali rischi di chi non è abbastanza allenato. 

10. Riguardo l’abbigliamento dei vostri bambini adottate regole di buon senso: non copriteli troppo ma non abbiate neanche fretta di scoprirli velocemente quando c’è il sole, meglio vestirli a strati e se piove e sono bagnati, cambiateli e asciugateli il prima possibile.

11. Se pianificate un viaggio al mare in paesi caldi portate con voi creme solari specifiche ad altissima protezione ed emollienti per le labbra; cappelli per proteggere i bambini dal sole e dal vento e occhiali da sole di buona qualità ed adeguati alla loro età. Non dimenticate, poi, di mettere sempre in valigia un kit di primo soccorso.

12. Se dovete affrontare viaggi lunghi o itineranti ricordate che l’eccessiva stanchezza e l’accumulo di sonno facilitano l’ipertensione negli adulti e sono nocivi anche per i bambini per i quali sono necessarie ripetute fasi di riposo, soprattutto dopo 3 mesi impegnativi di scuola. 

13. Se Babbo Natale gli porta un cucciolo di cane o gatto, rispettate scrupolosamente il calendario vaccinale e le norme di igiene; raccomandiamo di non farlo dormire nel letto con voi per evitare soprattutto lo sviluppo di allergie.

14. Le basse temperature tipiche di questa stagione e una termoregolamentazione meno efficiente nel bambino comportano maggiori rischi di malattie da raffreddamento. In caso di primi sintomi di infezioni respiratorie raccomandiamo di evitare il contatto con altre persone, soprattutto se malati cronici, bambini al di sotto dei due anni di età o anziani.

15. L’uso degli antibiotici nei casi di infezioni virali è inutile e dannoso per la propria salute e per quella della comunità, contribuendo all’aumento del fenomeno dell’antibioticoresistenza. Gli antibiotici vanno sempre prescritti dai medici dopo un’accurata visita.
Condividi