Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Nobel-per-la-Letteratura-a-Olga-Tokarczuk-e-2019-a-Peter-Handke-6f82372e-4fa7-4c80-bc22-a3cb64b9b4d3.html | rainews/live/ | true
CULTURA

L'annuncio a Stoccolma

Nobel per la Letteratura 2018 a Olga Tokarczuk e per il 2019 a Peter Handke

Doppia attribuzione oggi: per lo scorso anno - il premio non era stato assegnato per uno scandalo che aveva coinvolto la giuria - e per il 2019 

Condividi
E' andato alla scrittrice polacca Olga Tokarczuk il Premio Nobel per la Letteratura 2018 (lo scorso anno il premio non era stato assegnato a causa di uno scandalo che aveva coinvolto la giuria). Il vincitore del Nobel per la Letteratura 2019 è invece lo scrittore, drammaturgo e sceneggiatore austriaco Peter Handke. 

Olga Tokarczuk è considerata la più dotata tra gli scrittori della sua generazione in Polonia. Nata nel 1962, vince il riconoscimento per aver costruito i "propri romanzi con una tensione tra aspetti culturali opposti: natura vs cultura, ragione vs follia, uomini vs donne" e "per la sua immaginazione narrativa che con passione enciclopedica rappresenta il superamento dei confini come una forma di vita".

Il Nobel per la letteratura 2019 è stato assegnato a Peter Handke "per un lavoro influente che con ingegnosità linguistica ha esplorato la periferia e la specificità dell'esperienza umana". Per l'Accademia di Svezia lo scrittore austriaco nato nel 1942, a oltre 50 anni dal  debutto letterario e dopo "aver prodotto un gran numero di opere in diversi generi", si è affermato "come uno degli scrittori più influenti in Europa dopo la seconda guerra mondiale". "L'arte peculiare di Peter Handke è la sua straordinaria attenzione ai paesaggi e alla presenza materiale del mondo, che ha fatto del cinema e della pittura due delle sue maggiori fonti d'ispirazione". 

Handke è rimasto  "quasi senza parole" e "molto, molto toccato" nell'apprendere la  notizia della vittoria del premio. Lo afferma un membro dell'Accademia svedese, Anders Olsson, che dice di aver parlato al telefono con lo scrittore. 

Nel 2014 Peter Handke, in occasione dell'assegnazione del Nobel per la letteratura al francese Patrick Modiano, dopo aver dispensato grandi complimenti al collega, si espresse con parole molto dure nei confronti del Nobel e propose anzi di abolirlo.  "Modiano è davvero un autore notevole con un'opera unica", affermò, aggiungendo che il riconoscimento, con la sua "falsa canonizzazione" della letteratura, non porta nulla di buono: "Il Premio Nobel andrebbe finalmente abolito", disse Handke in una dichiarazione all'agenzia austriaca Apa.

Nel 2018 il premio era stato sospeso e rimandato a quest'anno dopo lo scandalo per molestie che ha travolto e fatto condannare il marito di una ex giurata, il fotografo e regista Jean-Claude Arnault, portando a una serie di dimissioni nell'Accademia. 
Condividi