Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Norman-Atlantic-interrogato-il-comandante-Si-cerca-il-disperso-italiano-4b816f3d-69c1-4b59-8e49-8818883dcb14.html | rainews/live/ | true
MONDO

La nave colpita da un incendio domenica

Norman Atlantic: interrogato il comandante. Si cerca il disperso italiano

Risultano 9 morti accertati; mancano all'appello tre italiani: solo due ritrovati. Intanto l'equipaggio del rimorchiatore "Maretta Barretta" sta tentando di agganciare in sicurezza il traghetto

(Ansa)
Condividi
Ha risposto per cinque ore e mezza alle domande del pm Ettore Cardinali e degli ufficiali della Capitaneria di Porto di Bari, Argilio Giacomazzi, il comandante della Norman Atlantic. La nave è naufragata a seguito di un incendio domenica mattina, al largo dell'Adriatico.

Giacomazzi, arrivato ieri sera a Brindisi a bordo della San Giorgio, è accusato di naufragio colposo, omicidio colposo plurimo e lesioni colpose. "Abbiamo chiarito ogni aspetto rispondendo a tutte le domande", ha detto il suo avvocato Alfredo Delle Noci. Il comandante ha detto di aver rispettato la procedura. Nessuna irregolarità dunque, secondo la sua versione. Sull'esito degli interrogatori del comandante il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, mantiene il massimo riserbo. 

Due morti italiani, un connazionale disperso
Intanto continua la confusione sui numeri della Norman Atlantic, su quanti passeggeri fossero a bordo e soprattutto su quante siano le vittime.

Si parla in via ufficiale di 11 morti, ma secondo alcune fonti i cadaveri recuperati sarebbero 9. Tra questi tre camionisti italiani che mancano all'appello: due sono stati già trovati. Si cerca invece Carmine Balzano: "Mio padre non è tra i dispersi arrivati stanotte", ha spiegato Fabiana, la figlia. "Non si hanno notizie di 179 persone", ha detto ieri il procuratore di Bari Giuseppe Volpe.

Un quadro drammatico, soprattutto perché questi numeri non tengono conto delle persone che potrebbero essere state clandestine nella stiva della nave, sfuggendo così a qualsiasi lista ufficiale. 

Ignote le cause dell'incendio
E forse proprio nel tentativo di scaldarsi le persone nella stiva, nascoste sotto e dentro i camion, avrebbero causato un incendio accendendo un fuoco. Questa almeno è una delle ipotesi al vaglio, un'ipotesi plausibile per le autorità albanesi che non negano come la tratta Grecia-Ancona fosse effettivamente una strada piuttosto facile per i migranti irregolari dell'Oriente che decidono di venire in Italia. In corso tentativo di rimorchiare traghetto Intanto l'equipaggio del rimorchiatore "Maretta Barretta" sta tentando di agganciare in sicurezza il Norman Atlantic. Le condizioni meteomarine sono considerate proibitive anche se l'intensità del vento si sarebbe attenuata.

Agganciato il traghetto: sarà portato in Albania
I rimorchiatori della ditta brindisina Barretta sono riusciti ad agganciare con uno speciale cavo da traino il traghetto Norman Atlantic. La nave è stata messa in sicurezza ma le condizioni del mare in tempesta sono proibitive e per questo il relitto si sta muovendo in direzione dell'Albania, verso la baia di Valona.

Procura di Bari: 98 dispersi
"Ci sono 98 persone di cui non si hanno notizie". Lo ha detto il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, a proposito del naufragio della Norman Atlantic. Volpe ha precisato che solo 80 naufraghi sono arrivati in Grecia nelle ultime ore su un elicottero e un mercantile e non si hanno notizie di un secondo mercantile intervenuto nei soccorsi. Intanto sono sbarcati al porto di Taranto dal mercantile "Aby Jeannette" 38 naufraghi (e non 39 come si era appreso in un primo momento) del traghetto Norman Atlantic.

Condividi