Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Nucleare-Trump-decertifica-accordo-con-Iran-83e1b4f8-b2ed-4646-bcbd-c5ae29facc4b.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

La rottura

Nucleare, Trump boccia l'accordo con l'Iran e propone nuove sanzioni contro Teheran

Rohani: Trump non può fare quello che vuole, non è un accordo bilaterale. Gentiloni: preservare l'accordo è nel nostro interesse. Mogherini: l'intesa non appartiene agli Usa. Merkel, May e Macron: per noi l'accordo resta valido. Identica la posizione del ministro degli Esteri russo, Lavrov

Condividi
Il presidente Usa Donald Trump ha bocciato l'accordo sul programma nucleare iraniano firmato oltre che dagli Usa, da Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania, sostenendo che Teheran non rispetta "lo spirito" dell'intesa e quindi ha chiesto al Congresso che vengano adottate nuove sanzioni contro i Pasdaran, i guardiani della rivoluzione, e ha chiesto agli alleati di unirsi contro il programma missilistico di Teheran. 

Senza nuove intese l'accordo sarà cancellato
Se l'amministrazione americana non riesce a raggiungere un accordo con il Congresso e con gli alleati su una nuova intesa con l'Iran "allora l'accordo verrà cancellato", ha minacciato Trump, sottolineando che può "revocare l'accordo in qualsiasi momento". 

Garantire la sicurezza del popolo americano
"Come presidente degli Stati Uniti, il mio maggiore obbligo è garantire la sicurezza del popolo americano", ha detto Trump nel discorso alla nazione, annunciando che prenderà "misure per assicurarsi che l'Iran non acquisisca mai armi nucleari". 

L'Iran "ha addestrato terroristi"
Trump ha poi denunciato la "dittatura iraniana" in Medio Oriente e ha sostenuto che la repubblica culla dell'Islam sciita ha "addestrato terroristi di al Qaeda", organizzazione sunnita. 

Rohani: Trump non puo fare ciò che vuole
Decisa la risposta del presidente iraniano Hassan Rohani. "Trump non è bravo in geografia e neanche in geopolitica, l'accordo è stato ratificato dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu, è un documento delle Nazioni Unite. Come è possibile che un presidente cancelli unilateralmente l'accordo? Trump pensa di poterlo fare, ma questo non è un accordo bilaterale e lui non può fare quello che vuole". "Dichiarazioni sbagliate conducono ad accuse infondate nei confronti dell'Iran e del grande popolo iraniano. Il discorso di oggi è stato grave", ha aggiunto, con estrema risolutezza, il presidente iraniano. Rohani ha poi ricordato come in passato siano stati gli Usa a fare ricorso alle "armi nucleari, non una ma due volte". Infine ha sottolineato che gli Stati Uniti "sostengono il regime di Israele, che si avvale dell'aiuto degli Usa per costruire armi nucleari". 

Gentiloni: preservare l'accordo è nel nostro interesse
"L'Italia prende atto della decisione del Presidente Trump di non rinnovare la certificazione dell'adempimento da parte di Teheran dell'accordo sul programma nucleare iraniano e si unisce alla preoccupazione espressa dai Capi di Stato e di Governo di Francia, Germania e Regno Unito per le possibili conseguenze. Preservare l'accordo, unanimemente fatto proprio dal Consiglio di Sicurezza nella Risoluzione 2231, corrisponde a interessi di sicurezza nazionali condivisi". Lo scrive in una nota il premier Paolo Gentiloni. 

Mogherini: l'accordo non appartiene agli Stati Uniti
"L'Ue continua a sostenere pienamente l'accordo sul nucleare iraniano e la sua piena e rigorosa attuazione da parte di tutti". Così l'Alto rappresentante per la politica estera e di difesa europea, Federica Mogherini, dopo le parole di Trump. "L'Ue è impegnata a continuare a preservare l'accordo, a beneficio di tutti, incluso il popolo iraniano", ha sottolineato ancora Mogherini. "Il discorso di Trump è un discorso di politica interna, ma l'accordo non appartiene esclusivamente agli Usa".

Merkel, May e Macron: per noi l'accordo resta valido 
Germania, Francia e Regno Unito "prendono atto" della decisione del presidente Usa ma restano per parte loro "impegnate" a rispettare l'accordo e a favorire una sua "piena attuazione da tutte le parti". Lo si legge in una dichiarazione congiunta di Angela Merkel, Emmanuel Macron e Theresa May diffusa da Downing Street, nella quale si definisce il mantenimento dell'intesa nel "comune interesse nazionale" di Berlino, Parigi e Londra.  

Lavrov: Russia resta impegnata sull'accordo nucleare
Ai leader europei fa eco il capo della diplomazia russa. Serghiei Lavrov ha confermato al suo collega di Teheran, Javad Zarif, che la Russia resta impegnata nel rispetto dell'accordo sul nucleare iraniano. Lo fa sapere il ministero degli Esteri russo riferendo di una conversazione telefonica tra i due ministri. 

Israele e Arabia Saudita plaudono a Trump
"Una decisione coraggiosa di cui mi congratulo con il presidente Trump", ha commentato invece il premier israeliano Benyamin Netanyahu. Il presidente americano "si è misurato con determinazione con il regime terroristico iraniano e ha creato un'opportunità per aggiustare questo cattivo accordo, per respingere le aggressioni iraniane e per confrontarsi con il suo sostegno al terrorismo". E dopo l'elogio israeliano giunge quello saudita. Il regno wahabita (che considera l'Iran, culla dello sciismo, un nemico forse peggiore di Israele stesso) ha approvato la "ferma strategia" di Trump sull'Iran. Netanyahu e l'Arabia Saudita sono stati i più strenui oppositori dell'accordo voluto con forza dal Barack Obama nel 2015. 
Condividi