Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Nuovo-ricorso-i-genitori-di-Alfie-non-si-arrendono-Lasciateci-portare-nostro-figlio-in-Italia-f51fad02-e078-466a-8ec7-f431b1204758.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Il caso di Liverpool

Nuovo ricorso, i genitori di Alfie non si arrendono: "Lasciateci portare nostro figlio in Italia"

Secondo quanto riferito dagli avvocati di Tom e Kate Evans, genitori del piccolo, l'udienza e' fissata per questo pomeriggio. I genitori hanno fatto sapere che il bimbo continua a lottare per la vita e che loro gli dovono fargli la respirazione artificiale, bocca a bocca, per aiutarlo quando le sue labbra diventano viola

Condividi

I genitori di Alfie non si arrendono. Dopo aver ottenuto da un giudice il permesso a portare a casa il figlio affetto da una grave malattia neurodegenerativa hanno deciso di proseguire la battaglia legale con un nuovo ricorso, per ottenere dalla magistratura britannica l'autorizzazione a portare il bambino in Italia, dove potrebbe ricevere nuove cure nell'Ospedale Bambino Gesù di Roma.


Il nuovo ricorso dei genitori
Nuovo ricorso in appello dei genitori del piccolo Alfie Evans contro la decisione del giudice Anthony Hayden che ha vietato al bimbo di 23 mesi affetto da una grave malattia neurodegenerativa il trasferimento da Liverpool in Italia. Lo riporta la Bbc dopo che lo stesso giudice d'Appello dell'alta corte britannica aveva autorizzato che venisse staccata la spina dalla macchina per la ventilazione respiratoria che aiutava Alfie a restare in vita. Secondo quanto riferito dagli avvocati di Tom e Kate Evans, genitori del piccolo, l'udienza e' fissata per questo pomeriggio. I genitori hanno fatto sapere che il bimbo continua a lottare per la vita e che loro gli dovono fargli la respirazione artificiale, bocca a bocca, per aiutarlo quando le sue labbra diventano viola.

Il giudice: "Alfie può tornare a casa ma non andare in Italia"
Il giudice dell'Alta corte britannica Anthony Hayden ha chiesto ai medici dell'ospedale Alder Hey di Liverpool di valutare se consentire che Alfie Evans venga riportato a casa dal padre e dalla madre, mentre non ha fatto alcuna apertura su un trasferimento in Italia.

Ora s'attende la risposta dell'ospedale. Il giudice ha inoltre criticato alcune persone vicine ai genitori accusandole di dare "false speranze".

CdM gli conferisce cittadinanza italiana
Il Consiglio dei ministri, "ha deliberato il conferimento della cittadinanza italiana ad Alfie Evans, nato a Liverpool (Gran Bretagna) il 9 maggio 2016". La decisione, spiega la Presidenza del Consiglio, è stata presa "in considerazione dell'eccezionale interesse per la comunità nazionale ad assicurare al minore ulteriori sviluppi terapeutici, nella tutela di preminenti valori umanitari che, nel caso di specie, attengono alla salvaguardia della salute".

Condividi