Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Oggi-overshoot-day-da-domani-consumiamo-le-risorse-del-futuro-5eab4f4f-f91a-4323-afaf-82380d83823f.html | rainews/live/ | (none)
SCIENZA

Ambiente

Oggi è l'overshoot day, da domani consumiamo le risorse del futuro

Italia in default già dal 5 aprile. L'ultimo anno in cui si ottenne un pareggio di bilancio tra entrate e uscite fu il 1970

Condividi
Il 13 agosto è l'Overshoot Day, il giorno in cui la domanda annuale di risorse dell'umanità supera ciò che la Terra può produrre nello stesso anno.

Italia in default da aprile
Dal 1970 l'uomo 'erode' il capitale naturale del pianeta sempre più in fretta. E se nel 2000 consumavamo le risorse a disposizione in 10 mesi, oggi l'umanità ha consumato completamente il 'capitale' annuale in meno di otto. E l'Italia ha fatto peggio, esaurendo tutte le sue risorse in soli 4 mesi, il 5 aprile scorso. In pratica per sostenerci a questi ritmi avremmo bisogno di 3,8 Italie.

I dati del Global Footprint Network
È quanto emerge dai dati del Global Footprint Network, il centro studi internazionale sulla sostenibilità che rileva l'andamento delle esigenze dell'umanità nei confronti delle risorse del Pianeta (la cosiddetta Impronta ecologica) rispetto alla capacità della natura di far fronte a quelle esigenze (biocapacità). 

Costi elevatissimi
I costi di questo sforamento ecologico stanno diventando sempre più evidenti e si concretizzano nella deforestazione, nella siccità e nella scarsità di acqua dolce, nell'erosione del suolo, nella perdita di biodiversità e infine nell'aumento dell'anidride
carbonica nell'atmosfera. In particolare, se gli attuali modelli climatici sono corretti, gli apporti di CO2 più recenti amplificheranno significativamente gli effetti di quella già presente.

Un'escalation negativa
L'ulitmo anno in cui domanda e offerta di risorse si sono incontrate perfettamente è stato il 1970. La popolazione di allora, 3,5 miliardi contro gli attuali 7,3, riuscì a mantenere adeguati i consumi e l'overshoot day cadde proprio il 31 dicembre. Da allora è stata un'escalation in negativo. L’anno scorso il conto è andato in rosso il 17 agosto.
Condividi