Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Oms-4-su-5-sintomi-lievi-mortalita-2-per-cento-c6c44a7c-4289-4279-859c-d03e7170932a.html | rainews/live/ | true
SALUTE

Commissaria Ue: in Italia misure molto risolute

Coronavirus, Oms: 4 su 5 sintomi lievi. La mortalità è al 2%

Riunione sul Coronavirus al ministero della Salute a Roma con  il ministro Roberto Speranza,  il Direttore Europa dell'Oms, Hans Kluge, il Commissario Ue alla Salute, Stella Kyriakides, e il Direttore dello European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc), Andrea Ammon. Oms: 80.980 casi in 33 Paesi. Solo il 3% fuori dalla Cina

Condividi
"Ad oggi ci sono 80.980 casi di Covid-19 in 33 paesi, 13 dei quali nella Regione europea. Oltre il 95% dei casi è in Cina, solo il 3% al di fuori". A fare il quadro è il direttore Europa Oms, Hans Kluge, in conferenza stampa dopo il vertice al ministero della Salute. "Comunque i nostri pensieri vanno a tutti i cittadini nel mondo in Europa e in Italia colpiti dal virus", ha detto.

"Quattro soggetti su cinque affetti da Coronavirus hanno sintomi lievi e si riprendono, mentre il tasso di mortalità è del 2%, in soggetti soprattutto sopra i 65 anni con altre patologie", ha detto il direttore dell'Oms Europa Hans Kluge alla conferenza stampa al ministero della salute sull'emergenza coronavirus. Che ha aggiunto: "Da esperto di malattie infettive dico però che chiunque muoia è già troppo".

Il "messaggio agli italiani è proteggersi e adottare tutte le misure previste dalle autorità sanitarie italiane. Va evitate inoltre la discriminazione sociale, perché non funziona. Apprezziamo - ha detto - tantissimo il lavoro che il governo italiano sta facendo".

"Per sviluppare un vaccino ci vuole un anno e mezzo, ma già con Ebola la cooperazione tra Paesi ha avuto successo". Così il Direttore Europa OMS/WHO, Hans Kluge, in conferenza stampa al Ministero della Salute.

L'Oms fa sapere che il numero quotidiano di contagi da coronavirus fuori dalla Cina ha superato il numero registrato all'interno del paese.

Commissaria Ue: in Italia misure molto risolute
Ringrazio il ministro Speranza, la Protezione civile italiana e tutto il personale sanitario per aver adottato misure molto risolute per fermare questo virus". Lo ha detto il Commissario Ue alla Salute, Stella Kyriakides, al termine della riunione sul Coronavirus al ministero della Salute, a Roma, con il ministro Roberto Speranza, il Direttore Europa Oms, Hans Kluge e il Direttore dello European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc), Andrea Ammon.

"Al momento ci sono ancora molte incognite su questo virus, non solo per quanto riguarda la sua origine ma anche sulla sua diffusione". Così il commissario Ue alla Salute. "Questo è il motivo per cui gli esperti dell'Oms e dell'Ecdc sono sul territorio italiano- ha proseguito- proprio per capire come sta evolvendo la situazione e come dare sostegno".

Speranza: sostegno pieno da Oms e Ecdc
"C'è bisogno di un grande coordinamento internazionale e questa è stata la linea dell'Italia dall'inizio, abbiamo avuto momenti di scambio continuo. La presenza qui e il supporto e sostegno pieno che l'Oms e l'Ecdc stanno dando alla nostra azione in queste ore ci conforta e ci rende determinati nel lavoro che stiamo facendo", ha detto il ministero della Salute Roberto Speranza durante la conferenza stampa al termine dell'incontro con Oms, Ecdc e la commissaria alla Salute dell'Ue. 

"I virus non hanno frontiere, quindi c'è bisogno di un gran coordinamento e questa è stata la linea dell'Italia fin dall'inizio", ha detto il ministro della Salute nel corso della conferenza stampa. "Ringrazio la commissaria Ue per la Salute che ha dimostrato sempre attenzione e supporto e tutti gli altri ministri della Salute dell'Ue", ha aggiunto.
Condividi