Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Oms-depressione-al-quarto-posto-fra-cause-invalidita-nel-2020-sara-al-secondo-c418a0d4-1404-4e46-a9bc-42503047dd2e.html | rainews/live/ | true
SALUTE

L'appuntamento

Oms: depressione al quarto posto fra cause invalidità, nel 2020 sarà al secondo

Il 17 ottobre sarà la giornata mondiale dedicata alla depressione, una malattia diffusa in tutto il mondo ed in aumento

Condividi
Sabato 17 ottobre sarà la giornata mondiale dedicata alla depressione e il tema al centro del dibattito quest'anno sarà 'La depressione della porta accanto'.    

La depressione è una malattia diffusa in tutto il mondo ed in aumento. Per il suo impatto sociale, per l'eco anche mediatica che suscita, "la depressione - spiegano gli psicologi - sembra un po' il sintomo della nostra epoca, quello che meglio la caratterizza".

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2001 la depressione si trovava al quarto posto fra le malattie causa di invalidità e si prevede che entro il 2020 raggiungerà il secondo posto dopo le malattie cardiovascolari.      

Intanto una ricerca svolta presso il Massachusetts General Hospital di Boston da James Stahl e pubblicata sulla rivista Plos One sottolinea come imparare a rilassarsi sia una ricetta utile per assicurarsi di restare in buona salute negli anni a venire, ma anche per tenere lontani disturbi importanti come, appunto, la depressione. 

Stahl ha confrontato la frequenza di accesso a servizi sanitari (dai laboratori di analisi a reparti per indagini radiologiche etc) di migliaia di individui che hanno appreso e praticato per un anno tecniche di rilassamento, con il ricorso a cure mediche di un gruppo di individui del tutto simili per età, condizioni di salute e stili di vita, ma che non praticavano tecniche di rilassamento (gruppo di controllo). E' emerso che nell'anno successivo i primi hanno usufruito di servizi sanitari con una frequenza del 43% inferiore rispetto all'anno precedente, mentre gli individui del gruppo di controllo hanno aumentato leggermente il loro ricorso agli stessi servizi. L'ipotesi avanzata dai ricercatori è che le tecniche di rilassamento riducano disturbi importanti come ansia, depressione e ipertensione, tutti motivi di ricorso a cure mediche.
Condividi