Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Oms-piu-di-8-000-morti-nel-mondo-per-il-virus-Ebola-Sierra-Leone-il-piu-colpito-7c278cc5-e645-4faa-89cd-d84e4b4394e6.html | rainews/live/ | true
SALUTE

I numeri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

Ebola, più di 8.000 morti nel mondo. Sierra Leone il Paese più colpito

8.153 i decessi per il virus che si è diffuso in Africa. Il Regno Unito rafforza i controlli dopo il caso dell'infermiera infetta che non era stata segnalata come malata dai test in aeroporto. La Liberia dopo 6 mesi riapre le scuole, mentre l'Oms indaga in Iraq; qui l'Isis potrebbe aver bruciato dei militanti vivi per evitare il contagio

Condividi
Continua ad aumentare il numero dei morti per ebola. Sono almeno 8.153 le persone decedute per l'epidemia su un totale di 20.656 casi registrati nei tre Paesi dell'Africa maggiormente colpiti: Guinea, Liberia e Sierra Leone.

Altri 15 casi, ha riferito oggi l'Organizzazione mondiale della sanità, sono stati rilevati in altri Paesi: sei in Mali, uno negli Stati Uniti e otto in Nigeria. La Sierra Leone resta il Paese più colpito, con un totale di 9.772 casi registrati al 3 gennaio e 2.915 morti, davanti alla Liberia (8.115 casi e 3.471 decessi) e alla Guinea (2.769 casi e 1.767 morti).

Regno Unito rafforza controlli dopo il caso dell'infermiera
Al momento un'infermiera britannica contagiata dal virus lotta per la vita a Londra, mentre due donne ritornate dalla Sierra Leone sono state poste sotto osservazione negli Stati Uniti e in Germania. Il Regno Unito dal 29 dicembre ha rafforzato i controlli e le misure di precauzione nei confronti dei possibili malati, ha spiegato il segretario alla Salute, Jeremy Hunt, dopo che i test all'aeroporto Heathrow di Londra non hanno individuato il contagio dell'infermiera infetta.

La Liberia riapre le scuole: numero decessi in calo
Intanto la Liberia ha deciso di riaprire le scuole il 2 febbraio, sei mesi dopo che il governo ne ordinò la chiusura a causa dell'epidemia di Ebola. Lo ha annunciato la presidente, Ellen Johnson Sirleaf, dopo che nelle ultime settimane il numero di contagi è calato. Non ha tuttavia precisato se la decisione si applichi a tutto il sistema educativo.

Oms indaga a Mosul: militanti Isis bruciati perché infetti
Mentre gli Stati Uniti hanno deciso che i viaggiatori in arrivo dal Mali non saranno più sottoposti ai controlli sanitari sul virus Ebola. L'Organizzazione Mondiale della Sanità, invece, ha iniziato ad indagare su sospetti casi di Ebola a Mosul, nell'Iraq settentrionale, dopo che nell'ospedale cittadino sono stati denunciati casi di persone con sintomi del virus; inoltre, sembra che l'Isis abbia bruciato dei militanti colpiti dal virus forse ancora vivi.
Condividi