Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Oscar-per-il-3-a-1-del-Brasile-contro-la-Croazia.-Doppietta-di-Neymar-a1f861c7-76ea-4fc0-b1e3-e7ecb1c884b4.html | rainews/live/ | true
FIFA 2014

Partita inaugurale a San Paolo

Mondiale, il Brasile fatica ma batte 3-1 la Croazia. Doppietta di Neymar

Bella partita tra i padroni di casa e i croati, che combattono fino alla fine. Si inizia con un rocambolesco autogoal di Marcelo. Poi brilla la stella Neymar che pareggia il conto. Quindi la doppietta su rigore, per un fallo molto dubbio fischiato su Fred. Chiude al 90° Oscar con la rete del 3 a 1

Neymar (Ap)
Condividi
di Claudio Presutti Il Brasile trema, soffre, ma alla fine gioisce. Finisce 3-1 a San Paolo la gara inaugurale del Mondiale contro la Croazia. L’altra partita del girone A è Messico-Camerun, oggi pomeriggio alle ore 18 a Natal.       
   
Croati solidi e compatti, i verde-oro soffrono in avvio. Su spunto di uno scatenato Olic (11') Marcelo mette nella propria rete su cross sporcato da Jelavic. Il gelo allo stadio. Dal 20', però, il Brasile preme sull'acceleratore e, dopo due parate di Pletikosa su Paulinho e Oscar, trova il pari con un preciso sinistro di Neymar (29'). E pensare che il fuoriclasse brasiliano solo due minuti prima dell’importantissimo pareggio, ha rischiato grosso per un intervento con il gomito alto che il direttore di gara ha punito con il giallo.

Ripresa a ritmo blando. Al 71' fallo veniale di Lovren su Fred, l’arbitro giapponese Nishimura assegna il penalty, contestato,  firmato Neymar. La Croazia è viva e ci prova fino al 90' e oltre, anche se al 91’ Oscar, il migliore in campo tra i verdeoro assieme a Neymar, chiude il tabellino con un tocco che batte ancora Pletikosa per il 3-1.  

Per il Brasile dunque prime 3 punti e un po’ di pressione in meno, anche se ancora deve crescere sul piano del gioco e della brillantezza. Positiva, comunque, tutto sommato la prestazione dei croati che cedono alla seleçao, ma il punteggio (3-1) punisce oltremisura i biancorossi che hanno mostrato un’ottima capacità di corsa, buona condizione atletica e grande compattezza. Così così invece il portiere Pletikosa che, dopo alcuni buoni interventi, è indeciso sia sul tiro di Neymar sia su quello finale di Oscar.    
Condividi