ECONOMIA

Confindustria

Padoan: manovra dà più stabilità, Pil sta aumentando, aggrediamo disoccupazione giovanile

Il videomessaggio del ministro

Condividi
Questa legge di bilancio "si colloca in continuità con le precedenti, quindi allunga l'orizzonte temporale della stabilità e della sostenibilità della crescita, pone una pre-condizone essenziale per gli investimenti". Lo afferma il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, in un videomessaggio al convegno dei giovani di Confindustria, dicendosi "convinto che, anche a seguito di queste misure, gli investimenti continueranno a crescere e l'Italia continuerà a prosperare".

"Le imprese - prosegue Padoan - hanno bisogno di un orizzonte temporale lungo per decidere i loro investimenti e sono convinto che, anche a seguito di queste misure, gli investimenti continueranno a crescere e l'Italia continuerà a prosperare".

Nella legge di bilancio varata dal governo "ci sono importanti misure di sostegno sia per le imprese, che per i giovani". Per loro, prosegue, "ci sono agevolazioni fiscali all'assunzione, che saranno molto utili nell'aggredire quello che è uno dei problemi seri dell'economia: l'elevata persistente disoccupazione giovanile".

Padoan sottolinea anche le misure in manovra per l'assunzione di "molti nuovi giovani ricercatori all'università, dopo molti anni di immobilismo in questo settore. L'università è la linfa vitale di una società, di un'economia avanzata, serve al mondo del lavoro, serve al mondo delle imprese per sostenere la ricerca e l'innovazione". Poi "ci sono - prosegue il ministro - misure direttamente rivolte alle imprese, già introdotte nella legge di bilancio precedente, che hanno dato buona prova di sé nel sostenere gli investimenti e l'innovazione e sono state confermate e rafforzate".

Il Pil italiano "sta aumentando e si sta rafforzando nella sua qualità".

La legge di bilancio "si colloca in un solco iniziato anni fa, con questo governo e quelli precedenti, che ha sempre posto l'impresa al centro del motore della crescita, come sostegno al prodotto interno lordo che sta aumentando e si sta rafforzando nella sua qualità. Ma evidentemente anche all'occupazione: senza crescita delle imprese non c'è crescita del lavoro". Lo dice sempre il ministro nel videomessaggio.
Condividi