Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Pamela-la-seconda-autopsia-non-svela-le-cause-della-morte-b1d903c4-08ac-4fa8-bed5-fcf9543ce416.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Macerata

Pamela, la seconda autopsia non svela le cause della morte

Esame eseguito da un pool di medicina legale dell'Università marchigiana

Condividi
Neanche la seconda autopsia, effettuata oggi e durata circa 4 ore, chiarisce le cause sulla morte di Pamela Mastropietro: morta per overdose da eroina o uccisa? I "primi esiti" dell'accertamento sul corpo della 18enne romana, trovato smembrato dentro due trolley a Pollenza, "non hanno consentito di raggiungere risultati altamente significativi sul piano probatorio".

Per sciogliere i dubbi occorrerà attendere gli esami tossicologici e di laboratorio i cui risultati arriveranno entro 20 giorni.

Le indagini dei carabinieri proseguono in attesa anche dei risultati degli esami avviati oggi dal Ris sul materiale sequestrato: sui grossi coltelli da cucina, tra cui una mannaia, e sui vestiti sporchi di sangue della 18enne trovati nell'abitazione di via Spalato 124, dove sarebbe morta e poi fatta a pezzi; ma anche sulle tracce ematiche trovate in cucina e sul balcone dell'appartamento e su indumenti e scarpe dei due indagati. 

Innocent Oseghale, nigeriano che abitava nella mansarda di via Spalato, arrestato per occultamento e vilipendio di cadavere, è indagato anche per l'omicidio. Con Oseghale è stato coinvolto un secondo pusher, Desmond Lucky, anche lui nigeriano, accusato di concorso nei reati ma anche di spaccio di droga: avrebbe anche ceduto una "modestissima" dose di eroina a Pamela. Una quantità troppo piccola per far scattare l'arresto dello spacciatore ma che potrebbe essere stata fatale alla giovane che non usava droghe da quattro mesi. La famiglia l'aveva mandata a disintossicarsi nella comunità Pars di Corridonia da cui si era allontanata il 29 gennaio scorso, il giorno prima della sua morte.

Sui resti del cadavere - hanno riscontrato oggi i medici legali -  "mancano tracce di sangue e di urina". Il corpo è stato "sezionato in modo apparentemente scientifico". Elementi questi che rendono più difficile risalire alla causa del decesso. Altri accertamenti di laboratorio potrebbero essere decisivi la prossima settimana.
Condividi