Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Papa-Francesco-ad-Abu-Dhabi-primo-pontefice-nella-Penisola-arabica-afc31ed3-4c1a-451a-9c32-7ceb689eafd5.html | rainews/live/ | true
MONDO

Visita negli Emirati Arabi Uniti

Papa Francesco ad Abu Dhabi, primo pontefice nella Penisola arabica

La visita durerà 48 ore e prevede una messa all'aperto alla quale parteciperanno circa 130mila fedeli, soprattutto immigrati dalle Filippine e dall'India

Condividi
Papa Francesco è giunto ad Abu Dhabi, primo pontefice a visitare la Penisola arabica. La visita durerà 48 ore e prevede una messa all'aperto alla quale parteciperanno circa 130mila fedeli, soprattutto immigrati dalle Filippine e dall'India.

Accolto da principe ereditario e imam Al Azhar 
Sceso dall'aereo all'aeroporto presidenziale di Abu Dhabi, Papa Francesco è stato accolto in una saletta d'onore dal principe ereditario Bin Sayed e poi salutato anche dal grande imam di Al Azhar, Al-Tayyeb. Al termine della breve cerimonia, il Papa si è diretto con il grande imam con un pullmino verso la residenza per gli ospiti illustri degli Emirati in cui soggiorna in questa visita. 

"Scrivere insieme una pagina di dialogo"
"Sono in partenza per gli Emirati Arabi Uniti. Mi reco in quel Paese come fratello, per scrivere insieme una pagina di dialogo e percorrere insieme sentieri di pace. Pregate per me!", aveva scritto il Papa in un tweet prima della partenza dall'aeroporto romano di Fiumicino.


Accorato appello del Pontefice per lo Yemen: "Grido bambini sale fino a Dio"
Prima della partenza, all'Angelus, l'appello di Papa Francesco per lo Yemen, lacerato da anni di guerra civile. "Con grande preoccupazione seguo la crisi umanitaria nello Yemen. La popolazione è stremata dal lungo conflitto e moltissimi bambini soffrono la fame, ma non si riesce ad accedere ai depositi di alimenti. Il grido di questi bambini e dei loro genitori sale al cospetto di Dio", ha detto il Papa. "Faccio appello alle parti interessate e alla Comunità internazionale per favorire con urgenza l'osservanza degli accordi raggiunti, assicurare la distribuzione del cibo e lavorare per il bene della popolazione - ha concluso Francesco - Invito tutti a pregare per i fratelli dello Yemen".

Lunedì l'incontro interreligioso 
Lunedì 4 febbraio, alle 12, è in programma la cerimonia di benvenuto all’ingresso del Palazzo Presidenziale e la visita ufficiale al Principe ereditario. Alle 17 si tiene l’incontro privato con i membri del Muslim Council of Elders nella Gran Moschea dello sceicco Zayed e alle 18.10 l’incontro interreligioso nel Founder’s Memorial dove il Papa pronuncerà un discorso.

Martedì la messa nello Zayed Sports City
Martedì 5 alle 9.15 Francesco farà una visita alla cattedrale di Abu Dhabi e alle 10.30 celebrerà la messa nello Zayed Sports City, dove terrà l’omelia. Alle 12.40 è prevista la cerimonia di congedo all’aeroporto presidenziale di Abu Dhabi. Alle 13 la partenza. L’arrivo a Roma è previsto alle 17 all’aeroporto internazionale di Roma-Ciampino.

Parolin: "Incontro con imam di al-Azhar segnerà svolta"
"L'incontro di Papa Francesco con il grande imam di al-Azhar nel viaggio negli Emirati Arabi" segnerà una svolta. Così il segretario di stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, all'Osservatore romano. Secondo il porporato, che accompagna il Santo Padre in questo suo 27esimo viaggio internazionale, l'intento perseguito dal Pontefice, "è ritrovare la radice della nostra fraternità che è la comune appartenenza all'umanità". "E tutto questo - ha precisato Parolin - in vista di una lotta molto chiara, molto esplicita contro ogni tipo di fondamentalismo, contro ogni tipo di radicalismo che può portare al conflitto e alla contrapposizione, e in vista di costruire sentieri di riconciliazione e di pace". 
 
Condividi