Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Papa-introduce-Mea-culpa-al-vertice-sugli-abusi-con-i-vescovi-151f9344-41d7-440c-abc9-0566e68b6630.html | rainews/live/ | true
MONDO

Vaticano

Papa introduce "Mea culpa" al vertice sugli abusi con i vescovi

"Per entrare nel futuro con coraggio diciamo: Padre ho peccato"

Condividi
"Dio di misericordia, tu non desideri la morte del peccatore, ma che si converta a te e viva. Confidiamo nel tuo amore e nella tua bontà e, ti chiediamo: donaci il coraggio di dire la verità e la sapienza per riconoscere dove abbiamo peccato e abbiamo bisogno di misericordia, riempici di pentimento sincero e donaci il perdono e la pace".

Con queste parole Papa Francesco ha introdotto una liturgia penitenziale che rappresenta il momento conclusivo, prima della messa finale di domani, di tre giorni di discussioni con i presidenti delle conferenze episcopali di tutto il mondo sugli abusi sessuali sui minori nella Chiesa.

Papa Francesco ha introdotto l'esame di coscienza - sotto forma di una serie di domande - alla veglia penitenziale in Vaticano culmine del vertice sugli abusi: "Per tre giorni ci siamo parlati e abbiamo ascoltato le voci delle vittime che da minori hanno sofferto nella nostra Chiesa. Ci siamo chiesti l'un l'altro come possiamo agire responsabimente, quali passi dobbiamo ora intraprendere. Per potere entrare nel futuro con rinnovato coraggio dobbiamo dire come il figlio prodigo: Padre ho peccato. Abbiamo bisogno di esaminare dove sono necessarie azioni concrete per le Chiese locali, per i membri di conferenze episcopali e per noi stessi, e ciò richiede guardare sinceramente alle situazioni createsi in nostri paesi e nostre stesse azioni".
Condividi