Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Parigi-gilet-gialli-black-bloc-Francia-marcia-clima-Eric-Drouet-bloccco-nero-b84d7e5d-8c1e-475a-8649-72fa323270c5.html | rainews/live/ | true
EUROPA

Francia

A Parigi tensione tra gilet gialli e black bloc, 167 fermi

In 15mila alla marcia per il clima, blocco nero si infiltra e gli organizzatori sciolgono il corteo. Nella capitale francese si sono svolte tre manifestazioni contemporaneamente
 

Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea A fine giornata sono 167 i fermati dopo le violenze, le barricate e le scene di guerriglia urbana che hanno trasformato il volto di Parigi.

La Polizia ha usato i lacrimogeni sugli Champs Elysées mentre barricate sono state erette a Place d'Italie. 

Anche Eric Drouet, storico leader della protesta dei gilet gialli, è stato fermato assieme agli altri manifestanti.

Gli estremisti del 'blocco nero' sono riusciti ad infiltrarsi nel corteo per il clima organizzato da Greenpeace e che ha visto presenti oltre 15mila partecipanti ma gli organizzatori sono stati costretti a fermare il corteo perché "non ci sono più le condizioni per una marcia pacifica", hanno affermato. 

La capitale francese ha affrontato una difficile giornata con tre manifestazioni in contemporanea: la marcia per il clima, come continuazione del grande evento mondiale di venerdì; la protesta dei sindacati contro la riforma delle pensioni e il ritorno dei gilet gialli con l'intenzione di rilanciare il movimento di protesta.

L'allerta su un possibile 'sabato nero' parigino ha portato la Prefettura a schierare oltre 7.500 uomini tra gendarmi e agenti, oltre ai militari.

In mattinata sugli Champs-Elysées si sarebbe dovuta svolgere la 45a manifestazione dei gilet gialli: l'intenzione era quella di entrare in alcuni palazzi governativi aperti per la giornata dedicata al patrimonio storico-culturale francese ma si sono presentate alla manifestazione solo un centinaio di persone, senza gilet per "mostrare che siamo francesi e basta". Alcuni hanno provato a radunarsi nella zona vietata, ma la Polizia li ha dispersi facilmente.

Nel pomeriggio, circa 15.000 persone hanno preso parte alla marcia per il clima, l'evento a cui ha preso parte anche la sindaca Anne Hidalgo: il corteo è stato però rovinato dall'arrivo di uomini con il volto coperto che si sono mescolati ai manifestanti causando scontri con le forze dell'ordine che hanno usato i lacrimogeni. Secondo la Prefettura, oltre 1.000 manifestanti 'radicali' sono riusciti a infiltrarsi, tra 'ultra-gauche', gli 'ultra-gialli' e qualche centinaio di black bloc. Sempre nel pomeriggio a, Boulevard Saint-Michel, nel quartiere latino, militanti mascherati hanno lanciato proiettili contro la Polizia prima di attaccare la filiale di una banca, dare alle fiamme i cassonetti e i motorini. Gli agenti hanno risposto sparando gas lacrimogeni. Le marce a difesa del clima sono avvenute in tutta la Francia: secondo gli organizzatori circa 150mila manifestanti in tutto il Paese.
Condividi