Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Parigi-summit-sul-clima-Renzi-Agire-ora-Italia-investira-4-mld-di-dollari-da-qui-al-2020-6b19e938-3d2e-4118-8ab3-11f7ffffac70.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

La conferenza proseguirà fino all'11 dicembre

Parigi, conferenza sul clima, Renzi: "Agire ora, l'Italia investirà 4 mld da qui al 2020"

Quasi due settimane di negoziati in una lotta contro il tempo per arginare il cambiamento climatico. Putin: "Taglio del 17% entro il 2016". Obama: "Possiamo cambiare il futuro qui e adesso"

Condividi
Parigi "Abbiamo una grande responsabilità, siamo chiamati a disegnare il futuro del mondo", ed è arrivato "il momento di agire". Così il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, intervenendo a Parigi alla conferenza mondiale sul clima. "E' un grande privilegio poter allestire la scena dove i nostri figli vivranno. Come politici - ha aggiunto - siamo chiamati a realizzare un capolavoro, ma potremo solo imitare la cosa più bella, la natura, che va difesa e va difesa da noi stessi. Grazie se riusciremo a trasformare una sfida nella più bella delle opportunità".

"Fino a qualche anno fa - ha esordito il premier - erano i biologi ad occuparsi dei cambiamenti climatici. Oggi sono gli economisti che ci dicono che è il momento di fare la nostra parte". Dunque quella del clima "è una questione economica, ma anche etica e morale", che richiede "uno sguardo politico".

Renzi ha poi rivendicato quanto fatto dall'Italia: "Vi porto la voce di un Paese che ha le carte in regola: siamo avanti in molti settori; siamo primi al mondo per l'apporto del fotovoltaico al mix energetico; con la nuova legge di bilancio abbiamo messo miliardi di euro da qui al 2020 sul climate changing". E poi, ha aggiunto, "il ruolo dell'Italia poggia anche su due straordinari players, due champions, Eni ed Enel, che hanno saputo cambiare pelle e diventare leader del rinnovamento, l'Eni in Africa e l'Enel in Sudamerica".


"Nella nuova legge di stabilità - ha sottolineato il premier -  abbiamo messo 4 miliardi di euro sul climate change da qui al 2020". 

Obama: "Sono venuto di persona come rappresentante della prima economia mondiale e del secondo inquinatore"
Nel suo discorso alla Conferenza Cop21 a Le Bourget il presidente americano Barack Obama parla - completamente a braccio - non solo di lotta ai cambiamenti climatici ma anche di contrasto al terrorismo e alla povertà. "Sono venuto di persona come rappresentante della prima economia mondiale e del secondo inquinatore per dire che noi, Stati Uniti, non solo riconosciamo il nostro ruolo nell'aver creato il problema ma che ci assumiamo anche la responsabilità di fare qualcosa in proposito. Possiamo cambiare il futuro qui e adesso".

"Abbiamo migliorato la crescita economica preservando l'ambiente, le due cose possono andare insieme e questo deve darci speranza" afferma Obama. "Qui a Parigi dobbiamo fare vedere alle imprese il futuro è in un'economia a basso consumo di carbonio, anche attraverso incentivi e sgravi". "Qui a Parigi confermiamo il nostro impegno per sostenere i Paesi che decidono di saltare la 'parte sporca' del loro sviluppo", cosa che richiede importanti investimenti nell'innovazione tecnologica in campo energetico, ha detto ancora il presidente americano, auspicando che ci sia sostegno anche "ai Paesi più vulnerabili" al cambiamento climatico.

Obama a Putin: "Assad deve lasciare il potere"
Incontro a porte chiuse tra Putin e Obama a margine della conferenza Onu sul clima a Parigi. Il presidente americano Obama, ha detto al presidente russo, Vladimir Putin, che Bashar al Assad deve lasciare il potere. Lo afferma - riporta l'agenzia Bloomberg - la Casa Bianca, riferendo della incontro fra i due leader.

Renzi: "Italia già leader nella green economy"
"In ballo non c'è la tenuta del pil italiano ma la tenuta del pianeta" ha detto il presidente del Consiglio. Renzi ha sottolineato che serve "un accordo vincolante o sarà scritto sulla sabbia". "Siamo in una fase in cui l'Italia torna ad essere protagonista in tanti settori, anche in questo - ha aggiunto Renzi - abbiamo una leadership in alcuni settori della green economy. L'Italia è in grado di farci fare bella figura, ma il punto non è solo quello che facciamo noi ma quallo che fanno gli altri paesi e in particolare quelli in via di sviluppo".

Xi Jinping: "Tutti gli occhi su di noi, lavoriamo insieme"
"L'accordo di Parigi deve rafforzare le azioni post 2020 (sul cambiamento climatico) e ampliare gli sforzi globali per perseguire uno sviluppo sostenibile" ha detto il presidente cinese Xi Jinping, auspicando che questa sia "non una linea d'arrivo ma un nuovo punto di partenza". "Tutti gli occhi sono oggi su Parigi. Diamoci la mano e lavoriamo per realizzare un meccanismo globale ed efficace di lotta al cambiamento climatico", e "costruire nuove relazioni internazionali che si basino su cooperazioni win-win".

Putin: taglio del 17 per cento entro 2013
La Russia si impegna a tagliare del 17 per cento le emissioni inquinanti responsabili del riscaldamento globale. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin alla Conferenza sul clima di Parigi. Il presidente ha precisato che il taglio avverrà entro il 2030 e si tratterà della riduzione del 17 per cento delle emissioni sulla base dei dati del 1990. Tale riduzione avverrà attraverso "un maggiore livello di isolamento degli edifici per l'efficientamento energetico e attraverso nuove nano-tecnologie".

Merkel: "Paesi sviluppati guidino lotta al cambiamento"
I Paesi sviluppati devono "prendere la guida" della lotta al cambiamento climatico, consapevoli che "le emissioni del passato sono state causate da noi, e per questo dobbiamo essere l'avanguardia nella ricerca sull'innovazione tecnologica per ridurre le emissioni future". Lo ha detto la cancelliera Angela Merkel. Ai Paesi emergenti e ai più vulnerabili, ha aggiunto, "dev'essere data la possibilità di raggiungere uno sviluppo sostenibile, fornendo i fondi adeguati"

Hollande: surriscaldamento crea più migrazioni delle guerre
Il surriscaldamento del clima "crea conflitti, crea più migrazioni delle guerre" ha detto il presidente francese Hollande. "Dobbiamo intervenire in nome ella giustizia climatica. Quello che è in gioco in questa conferenza è la pace", ha aggiunto. Hollande ha anche espresso la "riconoscenza" sua e di tutta la Francia "per tutti i segni di supporto, tutti i messaggi, tutti i gesti di amicizia" giunti dopo gli attentati del 13 novembre scorso. 
Condividi