Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Parma-donna-tenta-suicidio-dopo-minacce-e-violenze-dal-compagno-91a2e600-e832-434f-9677-8accf8228e14.html | rainews/live/ | true
ITALIA

L'uomo è stato arrestato

Parma, donna tenta suicidio dopo minacce e violenze dal compagno

​A far scattare le indagini, quanto successo il 12 marzo quando i militari, avvisati dai genitori della donna, sono arrivati nell'abitazione della coppia e hanno trovato l'appartamento devastato, tracce di sangue ovunque e la donna con il volto tumefatto

Condividi
Sette mesi di violenze, vessazioni, minacce tanto che la vittima aveva persino tentato il suicidio. E' quanto vissuto da una donna residente a Salsomaggiore Terme (Parma) il cui compagno è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni gravi dai carabinieri. A far scattare le indagini, quanto successo il 12 marzo scorso quando i militari, avvisati dai genitori della donna, sono arrivati nell'abitazione della coppia e hanno trovato l'appartamento devastato, tracce di sangue ovunque e la donna con il volto tumefatto. Sul posto erano già arrivati i mezzi del 118 e a quel punto, a sorpresa, si è scoperto che la violenza era della settimana precedente. La donna però non era riuscita a chiedere prima aiuto per le gravi condizioni in cui si trovava.

L'uomo e' stato sottoposto ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip su richiesta della Procura di Parma. La donna, trasportata al pronto soccorso, ha riportato una prognosi di 40 giorni per traumi policontusivi con fratture costali multiple, frattura seno mascellare, ematomi multipli, distorsione della rachide cervicale e frattura della ossa nasali.

Violenze, hanno ricostruito gli inquirenti che perduravano da sette mesi, ovvero, dall'inizio del rapporto sentimentale con l'arrestato. In occasione dell'ultimo episodio la donna, impaurita, non voleva far entrare il convivente nell'abitazione ma l'uomo, questa la ricostruzione di inquirenti ed investigatori, è riuscito a sfondare la porta d'ingresso e, trovando alcuni suoi effetti personali in terra, è andato in escandescenza, spaccando mobili e suppellettili.  Poi non soddisfatto, secondo il quadro accusatorio, ha colpito la vittima con calci e pugni. 

 
Condividi