POLITICA

Psi, il congresso conferma Nencini segretario

Condividi
Riccardo Nencini è stato confermato segretario nazionale del Partito socialista italiano dal congresso del partito. Il congresso ha anche eletto il Consiglio Nazionale di oltre 300 membri. Spetterà al Consiglio nazionale eleggere la direzione del partito. Il congresso, che si conclude oggi, ha votato Nencini a larghissima maggioranza, con soli 3 contrari e nessun astenuto. 

Bobo Craxi? "Quel socialista lì vada dove gli pare"
Non si può consentire che Bobo Craxi scriva di un congresso farsa e che i socialisti andranno in un altro luogo. Quel socialista lì vada dove gli pare e mi fermo qui per rispetto del cognome. Troveremo Craxi da solo con chi lo ha ritenuto inutile e dannoso. E' un peana alla sindrome di Stoccolma, di chi è felice di sentirsi prigioniero. Auguri e buona strada". Con queste parole il segretario del Psi, Riccardo Nencini, ha replicato dal palco a Bobo Craxi che accusa il partito di avere effettuato un "congresso farsa".

L'attacco di Bobo Craxi: "Congresso farsa"
"Quello di Nencini non è un Congresso straordinario, ma una farsa straordinaria, nella quale si replica un copione già scritto, che non interessa agli italiani e, purtroppo, neanche ai socialisti. Come è stato per la vita interna del Pd a guida 'renziana', cosi' in sedicesima si è voluto trasformare il glorioso Partito socialista in una formazione di fatto occupata ed egemonizzata da una sola figura, senza neanche l'appeal e la forza elettorale che ha saputo esprimere Matteo Renzi", ha detto Bobo Craxi.

"Le minoranze che avevano contestato il Congresso precedente si sono ritrovate in un'assise 'fotocopia', dove di fatto il Psi di Nencini, in prospettiva, si riconsegna nelle mani dello sconfitto leader democratico", ha continuato.

"I socialisti sono già oltre, sono in movimento e sapranno trovare le forme e i modi per rappresentare una Storia che, di certo, non appartiene alla sola frazione politica animata da Riccardo Nencini. Penso che l'obbligo dei socialisti che si sono battuti per sollevare la questione democratica e la questione sociale nel Paese sia quello di convergere con quanti, nella sinistra del 2017, si battono per affermare queste priorità". ha concluso il leader di Area Socialista e promotore di Socialisti in Movimento. 
Condividi