Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Pedofilia-il-Papa-commissaria-la-diocesi-australiana-di-Adelaide-8d9ac46c-32fd-4d62-afaf-2bb7b580e6bd.html | rainews/live/ | true
MONDO

Pedofilia, il Papa commissaria la diocesi australiana di Adelaide

Nei giorni scorsi il vescovo dell'arcidiocesi era stato condannato per aver coperto dei casi di pedofilia. Il Pontefice nomina un Amministratore Apostolico

Condividi
Un altro segnale di rinnovamento. Papa Francesco ha nominato Amministratore Apostolico "Sede Plena" dell'arcidiocesi di Adelaide in Australia mons. Gregory O'Kelly.   Nei giorni scorsi l'arcivescovo di Adelaide, in Australia, mons. Philip Wilson, era stato condannato per aver coperto casi di pedofilia, e aveva deciso di autosospendersi temporaneamente, ma non dimettersi, dai suoi compiti di arcivescovo. Un altro forte messaggio, dunque, dopo quello destinato alla Chiesa cilena dove nei giorni scorsi 34 vescovi, in seguito ad un altro scandalo legato a casi di pedofilia, hanno rassegnato le dimissioni per gravi errori ed omissioni.

Domenica, in occasione dell'Angelus e della Festa del Corpus Domini, il Papa ha definito la Festa un "mistero di attrazione a Cristo e di trasformazione in Lui". Una "scuola di amore condreto, paziente e sacrificato, come Gesù sulla croce. Ci insegna a diventare più accoglienti edisponibili verso quanti sono in cerca di comprensione, di aiuto, di incoraggiamento, e sono emarginati e soli. La presenzadi Gesù vivo nell'Eucaristia è come una porta, una porta aperta tra il tempio e la strada, tra la fede e la storia, tra la città di Dio e la città dell'uomo". Il Pontefice ha dunque invitato i fedeli a partecipare alle processioni che si tengono in tutta Italia. E ha ricordato, per l'occasione, la sua presenza a Ostia"Anch'io - come fece il Beato Paolo VI 50 anni fa -celebrerò la Messa, a cui seguirà la processione con il Santissimo Sacramento".

E sempre durante l'Angelus Papa Francesco ha lanciato un appello per il Nicaragua. "Mi unisco ai miei fratelli vescovi del Nicaragua e al loro dolore per le violenze compiute da gruppi armati. Prego per le vittime e per i loro familiari - ha detto - la Chiesa è sempre per il dialogo ma questo richiede impegno fattivo a rispettare la libertà e soprattutto la vita.  Prego perché al più presto cessino violenze e si assicurino le condizioni per la ripresa del dialogo".
Condividi