MONDO

Usa

Pena morte, l'Arizona cerca di importare illegalmente un farmaco

La spedizione è stata intercettata lo scorso luglio dagli agenti federali all'aeroporto di Phoenix

Condividi
Lo Stato americano dell'Arizona ha cercato di importare illegalmente un farmaco non approvato dal governo Usa per l'iniezione letale nell'applicazione della pena di morte, ma non è riuscito ad ottenerlo poichè la spedizione è stata intercettata lo scorso luglio dagli agenti federali all'aeroporto di Phoenix.

L'Arizona ha pagato circa 27.000 dollari (circa 24.300 euro) per dosi di tiopentale sodico, un anestetico che in passato è stato usato per l'iniezione letale ma oggi non viene più prodotto dalle società approvate dalla Food and Drug Administration (Fda).

L'Arizona e altri Stati che applicano la pena di morte riescono con difficoltà a rifornirsi di questi farmaci dopo il rifiuto delle società europee di venderli, incluso il tiopentale sodico. Gli Stati hanno dovuto ricorrere ad altri tipi di 'cocktail' letali o, in alcuni casi, sono stati costretti a sospendere le esecuzioni in attesa di trovare i farmaci.
Condividi