Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Piazza-affari-apre-in-calo-Ubi-scende-dopo-il-gelo-sull-offerta-di-intesa-cb623813-5a84-4ca6-9454-27121543ff3a.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Piazza affari apre in calo. Ubi scende dopo il gelo sull'offerta di Intesa

Condividi
di Fabrizio Patti Inizio debole per le borse europee, dopo la salita di ieri. A Milano l'indice principale, il Ftse Mib, segna -0,42%, Londra poco sopra la parità, Francoforte -0,27%, Parigi -0,14%. 

A condizionarle l'andamento contrastato dei mercati azionari asiatici. La diminuzione dei contagi da coronavirus nella provincia dell'Hubei e il taglio dei tassi da parte della banca centrale cinese hanno supportato le borse di Shanghai (+1,84%) e Shenzhen (+2,43%), bene anche Tokyo (+0,34%) . Mentre pesa sulla borsa di Seul ( -0,67%) l'aumento di casi in Corea del Sud. 

Ieri il Fondo Monetario Internazionale, con la direttrice generale Kristalina Georgieva, ha parlato di ripresa dell'economia mondiale "fragile e probabilmente di scarsa consistenza" anche a causa del coronavirus. 
Europa e Asia non hanno quindi seguito Wall Street, che ieri ha toccato nuovi record con gli indici S&P500 e Nasdaq. 

Anche oggi sotto osservazione i titoli bancari, saliti del 24% dall'inizio dell'anno. 
Ieri l'amministratore delegato Ubi, Victor Massiah, ha risposto in modo freddo all'offerta di acquisto Intesa Sanpaolo: iter complesso e per nulla scontato, ha scritto in una lettera ai dipendenti. Ieri sera è stato individuato in Credit Suisse l'advisor che dovrà valutare la congruità dell'offerta di Intesa Sanpaolo. Nell'ultima settimana il titolo è salito del 31 per cento. 

Tra gli altri bancari, oggi Intesa Sanpaolo -0,31%, Unicredit -0,23%, Banco Bpm +0,37%. Sale anche Bper banca, +1,11% dopo i cali dei giorni scorsi (-6,9% nell'ultima settimana). La banca emiliano romagnola acquisterebbe 400-500 filiali da Intesa Sanpaolo se l'Ops su Ubi andasse in porto. Unipol, azionista di Bper con quasi il 20%, scende dello 0,84%. 

Tra gli altri titoli sul Ftse Mib, maggiori rialzi per Nexi (+2,10%) e Moncler (+1,02%). Tra i maggiori cali per Azimut (-1,90%) (-2,38%) e Pirelli (-1,17%). Forte flessione per Atlantia  (-2,34%): il quotidiano La Repubblica ha scritto che il gruppo controllato dalla famiglia Benetton ha rifiutato una revisione globale delle concessioni proposta dal governo.

Le fibrillazioni nel governo non hanno al momento ripercussioni sullo spread tra Btp e Bund, stabile a 134 punti base.
Condividi