Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Poletti-piano-del-governo-part-time-agevolato-per-over-60-vicina-alla-pensione-96ebc43f-c4f4-45dd-8e4d-c691c44dd505.html | rainews/live/ | (none)
ECONOMIA

Previsto da Legge di Stabilità

Poletti e il piano del governo: part time agevolato per over 60 vicini alla pensione

"Una misura interessante ma che la gente conosce poco" afferma il ministro del welfare in una intervista alla Stampa nella quale sottolinea che "ci abbiamo messo per il momento risorse limitate ma se servirà le rafforzeremo"

Condividi
Il part time agevolato per chi è vicino alla pensione è previsto nella legge di Stabilità, "è molto interessante ma secondo me la gente lo conosce poco". Così il ministro del welfare Giuliano Poletti in una intervista alla Stampa nella quale sottolinea che "ci abbiamo messo per il momento risorse limitate ma se servirà le rafforzeremo".

Difficile fare previsioni sui numeri aggiunge Poletti. "Sappiamo che l'Italia ha e avrà un problema di invecchiamento attivo. Per fortuna l'aspettativa di vita si alza e conseguentemente si lavorerà più a lungo. Ma possiamo pensare che una stessa persona possa fare lo stesso lavoro nelle stesse modalità a 30 come a 60 anni? Io credo di no. E non possiamo nemmeno pensare che si lavori intensamente fino all'ultimo giorno e poi quello successivo uno si ritrovi ad andare al parco".

"La norma riguarda i lavoratori del settore privato cui mancano tre anni al pensionamento di vecchiaia. All'azienda e al lavoratore è offerta un'opportunità: una riduzione del 50 per cento del tempo di lavoro, che si può definire liberamente, solo la mattina, solo due volte a settimana. Il lavoratore avrà orario dimezzato e salario al 65 per cento e una pensione pari al 100 per cento di quella che avrebbe preso. Lo stato garantisce in contributi figurativi e l'azienda versa in busta paga la sua quota di contributi.

Sul Jobs act: "La quota di contratti a tempo indeterminato è cresciuta dal 18 al 27 per cento del totale delle assunzioni. È un cambio di mentalità. Si pensava che in Italia l'assunzione a tempo indeterminato fosse impossibile. Noi lavoriamo invece perché diventi l'approcio normale".

Sulla questione licenziamenti: "Ci sono sempre stati. Per quelli per ragioni nulle o discriminatorie è previsto il reintegro. Per i licenziamenti di natura economica è prevista una tutela economica. Una tutela che insieme a molte altre vale per tanti lavoratori che in precedenza ne sarebbero rimasti privi perché sarebbero rimasti precari".
 
Condividi