Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Prima-Giornata-italiana-contro-lo-spreco-alimentare-231a4d7a-7848-450c-b8de-c9cab5d8cdce.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Prima Giornata nazionale contro lo spreco alimentare

Istituita dal ministero dell'Ambiente per raggiungere gli obiettivi della Risoluzione 2012 del Parlamento europeo. Nel nostro Paese frutta e verdura primeggiano tra i cibi freschi gettati ma aumenta la sensibilità degli italiani che nel 2013 ha diminuito lo sperpero. Il ministro Orlando: "Inizio di un percorso per far crescere la consapevolezza"

Condividi
Roma Si celebra oggi la prima Giornata nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare, istituita dal ministero dell’Ambiente per recuperare lo spreco alimentare ma soprattutto per prevenirlo.

Un obiettivo che secondo il Piano Nazionale di prevenzione dello spreco alimentare dovrà essere raggiunto entro il 2025 attraverso il dimezzamento di uno sperpero che ogni anno arriva a toccare un importo di quasi 9 miliardi di euro, equivalente di due etti di cibo nella spazzatura a famiglia.

Il Pinpas è stato inserito nell'ambito del Piano nazionale di prevenzione dei rifiuti italiano adottato dal ministero il 7 ottobre 2013 e per la prima volta l'Italia affronta in modo organico il problema degli sprechi alimentari, in sintonia con quanto indicato dalla Commissione Europea nella tabella di marcia verso un'Europa efficiente nell'impiego delle risorse.

Fra gli altri scopi primari Pinpas riprende alcune richieste della Risoluzione 2012 del Parlamento Europeo e ambisce a produrre soluzioni concrete ed efficaci in termini di riduzione alla fonte della quantità di cibo che finisce tra i 'rifiuti' sul breve, medio e lungo periodo. Il traguardo è raggiungere entro il 2020 una riduzione del 5% dei rifiuti per unità di Pil dei rifiuti urbani, del 10% di quelli pericolosi e del 5% di quelli speciali.

Numeri non facili da raggiungere se si pensa che l’ultimo sondaggio dell'Osservatorio sugli sprechi alimentari delle famiglie italiane ‘Waste Watcher’, promosso da Last Minute Market, Swg e Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroalimentari dell'Università di Bologna, ha rilevato che il 51,2% di frutta e il 41,2% di verdura vengano gettati quando sono ancora freschi. Con un impatto devastante sulla bioviersità: per produrre tutto il cibo che sprechiamo buttiamo nel cestino fino a 1,226 milioni di metri cubi di acqua, pari all'acqua consumata ogni anno da 19 milioni di italiani e circa 24,5 milioni di tonnellate di CO2 pari a circa il 20% delle emissioni di gas serra del settore dei trasporti. Inoltre, gettiamo via anche il 36% dell'azoto da fertilizzanti, utilizzati inutilmente con tutti gli effetti e i costi ambientali che ne conseguono. 

Ma insieme ai dati negativi arrivano anche i primi segnali di cambiamento. Sempre secondo i monitoraggi di Last Minute Market infatti negli ultimi sei mesi è aumentata la sensibilità intorno al tema degli sprechi, con il 45% degli italiani che ha sensibilmente diminuito lo sperpero di cibo. 

Il ministro Orlando: "Enorme spreco di risorse naturali"
Il ministro dell'Ambiente Andrea Orlando ha spiegato che questa Giornata deve essere "l'inizio di un percorso perché è necessario che cresca la consapevolezza all'interno delle scuole e delle comunità". La mancata gestione del cibo, secondo Orlando, "diventa
rifiuto, con enorme spreco di risorse naturali, perché per produrre una mela o un pezzo di pane si muovono mezzi e si usano concimi, acqua e suolo e poi tutto questo si rovescia nel suo contrario cioè in un rifiuto". 
Condividi