Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Processo-per-dissesto-vecchia-Alitalia-4-condanne-8-anni-e-8-mesi-a-ex-ad-Cimoli-presidente-de65319a-827c-47e7-ac9b-ade45d89fb31.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Perdite per oltre 4 miliardi di euro

Processo per dissesto vecchia Alitalia. 4 condanne, 8 anni e 8 mesi a ex ad Cimoli

Lo ha deciso la sesta sezione penale del tribunale di Roma per le operazioni "abnormi o ingiustificate sotto il profilo economico e gestionale" nel periodo 2004-2007. Oltre a Giancarlo Cimoli, ex presidente e ad dal maggio 2004 al febbraio 2007, condannati Pierluigi Ceschia, già responsabile del settore Finanza Straordinaria, Gabriele Spazzadeschi, all'epoca direttore centrale del settore Amministrazione e Finanza e Francesco Mengozzi, amministratore delegato dal febbraio 2001 al febbraio 2004. 3 assolti

 

Condividi
Roma Quattro condanne e tre assoluzioni: si è chiuso così, davanti ai giudici della sesta sezione penale del tribunale di Roma, il processo legato al dissesto della vecchia Alitalia per perdite di oltre 4 miliardi di euro attraverso una serie di operazioni "abnormi o ingiustificate sotto il profilo economico e gestionale" nel periodo compreso tra il 2001 e il 2007. Otto anni e otto mesi di reclusione sono stati inflitti a Giancarlo Cimoli, presidente e amministratore delegato della compagnia area dal maggio 2004 al febbraio 2007, sei anni e mezzo a Pierluigi Ceschia, già responsabile del settore Finanza Straordinaria, sei anni a Gabriele Spazzadeschi, all'epoca direttore centrale del settore Amministrazione e Finanza, cinque anni a Francesco Mengozzi, amministratore delegato dal febbraio 2001 al febbraio 2004.

Assolti, per non aver commesso il fatto, gli ex funzionari Giancarlo Zeni e Leopoldo Conforti, e, perché il fatto non costituisce reato, Gennaro Tocci, già responsabile del settore Acquisti e Gestione Asset Flotta. La bancarotta, per distrazione o dissipazione, era il reato contestato dalla procura mentre al solo Cimoli erano attribuiti due episodi di aggiotaggio per la diffusione, tra il novembre 2005 e la primavera 2006, di notizie false idonee a provocare una sensibile alterazione dei valori del titolo Alitalia quotato sui mercati finanziari. Il tribunale ha disposto anche una serie di risarcimenti milionari. 
Condividi