POLITICA

Alleanze a sinistra

Prodi: cordiale colloquio con Renzi. Non ci sarà una lista con il mio nome o dell'Ulivo

La preoccupazione di Prodi - spiega il suo ufficio stampa - è allargare e tenere insieme un campo largo di centrosinistra. Renzi: eguale dignità per tutti nella coalizione di centrosinistra

Condividi

Il nome di Romano Prodi non comparirà su una lista alle prossime elezioni politiche. A comunicarlo è l'ufficio stampa dell'ex premier. "Non vi sarà nessuna lista intestata a Romano Prodi o all'Ulivo. La preoccupazione del presidente Prodi è allargare e tenere insieme un campo largo di centro sinistra. Questa è stata la prospettiva e il senso degli incontri che in questi giorni si sono svolti tra Prodi e Piero Fassino, Giuliano Pisapia e con altri interlocutori del centrosinistra. In questo contesto, prima di partire per gli Stati Uniti, il presidente ha avuto un  lungo e cordiale colloquio con Matteo Renzi", si legge in una nota.

Renzi: eguale dignità per tutti nella coalizione di centrosinistra
La coalizione di centrosinistra alla quale stiamo lavorando - con il generoso contributo di tutti - dovrà garantire eguale dignità a tutti i componenti. Penso di poter dire che avremo una coalizione di qualità, con presenze significative sia alla nostra sinistra che al centro e che saremo competitivi praticamente in tutti i collegi. Metteremo in campo i migliori candidati, metteremo in campo le migliori idee: questo l'unico imperativo per vincere contro le destre e gli estremisti, scrive Matteo Renzi nella sua Enews. 

Fassino e Pisapia: percorso per una nuova stagione
"Giuliano Pisapia e Piero Fassino hanno avviato un percorso politico e programmatico per una nuova stagione del centrosinistra". E' quanto si legge in una nota congiunta diffusa al termine dell'incontro avvenuto oggi a Milano, incontro definito "positivo". "Consapevoli delle rilevanti difficoltà che si frappongono a una piena ricostruzione di un rapporto con l'elettorato di centrosinistra, il confronto proseguirà nei prossimi giorni con approfondimenti rigorosi e costruttivi, già a partire dell'iter parlamentare delle legge di Bilancio. Nell'incontro - conclude la nota - è stata ribadita la comune convinzione che occorra lavorare con determinazione e passione per contrastare il rischio di derive di destra e populiste".

Condividi