Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Quarto-Oggiaro-Milano-fiamme-in-un-palazzo-persone-intossicate-0d774f24-791a-41c6-9c13-f3e7bdc98b97.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Una decina di intossicati

Milano, fiamme in un palazzo di 13 piani. Tredicenne in gravi condizioni

Condividi
È di un ferito grave e di tredici persone intossicate il bilancio di un incendio divampato in un palazzo di tredici piani, questa mattina, a Milano, e che al momento è sotto controllo. Un ragazzino di circa 13 anni è stato trasportato in condizioni gravissime all'ospedale dopo essere stato estratto dal palazzo in fiamme in via Cogne, nel quartiere di Quarto Oggiaro.

Il ragazzino è stato trasportato all'Ospedale Sacco privo di sensi e in arresto cardiaco. Secondo i paramedici del 118 le sue condizioni sono disperate. Il 13enne è in rianimazione e la sua vita è attaccata all'Ecmo, la macchina per la respirazione extracorporea. L'adolescente ha origini straniere ma ha la cittadinanza italiana. Rimane in prognosi riservata ma le sue condizioni, secondo quanto appreso, appaiono ancora gravissime. 

I Vigili del Fuoco sono intervenuti per spegnere le fiamme al decimo piano e secondo quanto riferito finora lo hanno trovato in uno degli appartamenti ai piani superiori. Il palazzo dove si è sviluppato l'incendio ha 13 piani, e secondo quanto appreso, è verosimile che a causare le fiamme sia stata un'esplosione.



Lievemente intossicati altri 13 condomini: tre sono state portati in codice giallo all'ospedale San Carlo, e dieci in codice verde smistati tra le strutture ospedaliere del Sacco, ma anche a Rho e al Fatebenefratelli. 



Nello stesso edificio 3 mesi fa un omicidio
Il palazzo in via Cogne 20 è lo stesso dove il 14 novembre scorso è stato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di 35 anni attirato in una trappola dalla 59enne Antonietta Biancaniello e dal figlio di 35 anni Raffaele Rullo. Secondo le indagini dei carabinieri, del nucleo investigativo, infatti, per evitare di saldare un debito con La Rosa i due lo ammazzarono con una coltellata alla gola all'interno delle cantine dello stabile al civico 20. Successivamente lo infilarono in un fusto in attesa di trasportarlo in un luogo dove scioglierlo nell'acido.    
Condividi