Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Quelle-striature-scure-sul-pianeta-Marte-Sono-valanghe-di-sabbia-non-la-prova-che-ci-fosse-acqua-f17958f6-66d5-4c32-8ada-72bbd0f4024c.html | rainews/live/ | (none)
SCIENZA

Lo studio

Quelle striature scure sul pianeta Marte: "Sono valanghe di sabbia non la prova che ci fosse acqua"

Un articolo apparso su Nature Geoscience sostiene che queste linee sembrano flussi di sabbia asciutta piuttosto che acqua che scorre in discesa, in corrispondenza o in prossimità della superficie: "Se anche l'acqua è presente è probabile che lo sia in  piccola quantità - non favorevole allo sviluppo della vita". La NASA: "Impossibile esprimere un verdetto definitivo"

Condividi
 Un nuovo studio ipotizza che le striature scure visibili su Marte non sarebbero il risultato di acqua che scorre ma di sabbia. La notizia arriva come una doccia gelata sulla ricerca del 2015 secondo la quale le immagini erano la prova che sulla superficie marziana un tempo fossero presenti corsi d'acqua.

Gli scienziati dell'Arizona in un articolo apparso su Nature Geoscience riferiscono che queste linee sembrano flussi di sabbia asciutta piuttosto che acqua che scorre in discesa, in corrispondenza o in prossimità della superficie.

Se anche l'acqua è presente, hanno detto, è probabile che lo sia in  piccola quantità - non favorevole allo sviluppo della vita.

La NASA, tuttavia, ha detto che non è ancora possibile esprimere un verdetto definitivo.

Il principale studiso del programma di esplorazione su Marte della NASA, Michael Meyer, sostiene che quest'ultimo studio non esclude la presenza di acqua. Ma ammette: "Ma certo potrebbe non essere così eccitante come l'idea di fiumi che scendono lungo i pendii del pianeta. "




 
Condividi