Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Quirinale-Prima-fumata-nera-Pd-avanti-su-Mattarella-Berlusconi-Renzi-ha-rotto-il-patto-4b0474cd-4437-4201-92cf-efe725c590fe.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Alfano: "Non è in discussione il governo, ma bianca anche alla quarta"

Quirinale, Prima fumata nera. Pd avanti su Mattarella. Berlusconi: "Renzi ha rotto il patto"

Nulla di fatto, quorum lontanissimo fino alla quarta. 538 schede bianche. Da sabato mattina Sergio Mattarella (che pure al primo scrutinio ha raccolto voti), sostenuto da Pd, Sel, Scelta Civica e Centro democratico e dissidenti 5 Stelle potrebbe essere eletto. Forza Italia e Area Popolare (Ncd e Udc) dicono no al giudice della Corte Costituzionale. M5S vota Imposimato (120 voti), Lega Nord e Fratelli d'Italia Vittorio Feltri (49 voti)

Condividi
Fumata nera. Il primo scrutinio per eleggere il nuovo capo dello Stato finisce con un nulla di fatto. Del resto la maggioranza di 2/3 necessaria per l'elezione - 673 voti su 1009 grandi elettori - non era alla portata della maggioranza a sostegno della candidatura del giudice della Corte Costituzionale Sergio Mattarella (Pd, Sel, Cd, Scelta Civica e dissidenti 5 Stelle). Le schede bianche sono 538.

Come per lo scrutinio odierno, anche per il secondo e per il terzo - in programma domani - è necessario il quorum dei 2/3. Dal quarto scrutinio - in calendario sabato mattina - il quorum si abbassa alla maggioranza assoluta: 505. Resta il no di Forza Italia, in bilico Area Popolare (Ncd  e Udc).

Pd: "Dalla quarta Mattarella"
L'indicazione del Pd è di scheda bianca anche domani. Poi, da sabato mattina i grandi elettori dem cominceranno a votare per Mattarella. Con il Pd, anche Sel, Scelta Civica, Centro Democratico e i dissidenti del Movimento 5 Stelle. Un'area che dovrebbe contare su 560-580 voti.

Area popolare: "Il metodo non va bene, ma l'accordo di governo non è in discussione". Berlusconi: "Renzi ha rotto il patto"
Area Popolare (raggruppamento di Ncd e Udc) voterà bianca fino "anche al quarto scrutinio" - come riferisce Angelino Alfano - ed esprime per ora "forti criticità" sul metodo che ha portato alla candidatura di Sergio Mattarella. Il ministro dell'Interno tiene comunque a precisare: "L'accordo di governo con Renzi non è in discussione, Mattarella è una persona degnissima, ma non è un candidato condiviso".
Per la quarta votazione, Forza Italia dichiara di votare scheda bianca, "per rispetto di Mattarella". Le parole di Silvio Berlusconi ai grandi elettori azzurri però sono state chiare: "Renzi ha rotto il patto del Nazareno. Vediamo se alla quarta riescono ad eleggerselo da soli".

Boschi: "Fi e Ap non hanno chiuso del tutto"
"Ap e Fi non hanno chiuso del tutto, hanno dato indicazione fino alla terza votazione e poi, dalla quarta vedremo. Mancano tre giorno che in politica sono un'era geologica". Il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi esprime così ottimismo su una possibile convergenza di Forza Italia e Area Popolare sul nome di Sergio Mattarella, dal quarto scrutinio. 

I candidati di bandiera: Imposimato, Feltri, Castellina
Il Movimento 5 Stelle ha votato per l'ex magistrato Ferdinando Imposimato (120 voti). Lega Nord e Fratelli d'Italia hanno votato per il giornalista Vittorio Feltri (49 consensi). Sel, per la giornalista Luciana Castellina (37 voti). I dissidenti 5 Stelle che dal quarto scrutinio si sono impegnati a votare Mattarella, hanno votato l'ex garante per la privacy Stefano Rodotà (23 voti). Anche Emma Bonino ha raccolto 25 preferenze. Le schede nulle sono state 33.

L'omaggio a Napolitano
Ha partecipato al voto anche l'ex capo dello Stato Giorgio Napolitano, che è stato accolto da un'ovazione dell'Aula.

Le curiosità
Claudio Sabelli Fioretti ha raccolto 11 voti, Gabriele Albertini 14, Morelli 9, Mattarella 5, Cleo 8, Gualdani 6, Bersani 5, Marano 4, Scognamiglio 4, Marianetti 3, Martino 3, Merlo 3, Messina 3, Mieli 3, Pagano 3, Zitelli 3, Anna Finocchiaro 2, Ezio Greggio 2.
Condividi