Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Rai-Di-Bella-RaiNews-466894bf-b82d-4400-a483-33343778949e.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Rai

Antonio Di Bella nuovo direttore di RaiNews

La nomina del CdA ad ampia maggioranza

Condividi
Il CdA Rai ha approvato ad ampia maggioranza la nomina di Antonio Di Bella a nuovo direttore di Rainews24, Rainews.it e Televideo "in virtù del suo eccellente profilo giornalistico anche dal punto di vista dell’esperienza internazionale. La presidente, il direttore generale e i consiglieri di amministrazione hanno voluto ringraziare Mirella Marzoli e Giancarlo Giojelli per la loro preziosa guida del canale all news in questi mesi di interim".

Di Bella, 59 anni, una delle figure più popolari ed autorevoli del giornalismo televisivo, è stato direttore del Tg3 dal 2001 al 2009 e di Rai3 fino al 2012. Attuale corrispondente da Parigi, Di Bella ha, nel suo ricco curriculum internazionale, anche una lunga permanenza nella sede Rai di New York.

"Ringrazio il direttore generale per avermi proposto, il presidente e tutti i consiglieri per avermi votato e in particolare Carlo Verdelli che mi ha convinto sulla bontà di un progetto strategico per l'azienda. Spero di poter contribuire con l'esperienza maturata in trent'anni di Rai alla realizzazione di questo progetto": questo il primo commento del neo direttore della testata.

Al direttore il benvenuto dalla redazione di Rainews.it e l’augurio di un buon lavoro.

Il CdA ha inoltre approvato "due delibere che recepiscono le modifiche statutarie correlate all'entrata in vigore della legge di riforma della governance Rai: a partire dalla data odierna diventano dunque operative le nuove deleghe attribuite al direttore generale. Rimane confermata la collocazione organizzativa della Direzione Internal Auditing alle dirette dipendenze del presidente in coerenza con le prerogative connesse alle attività di controllo interno. Nel corso del pomeriggio si era precedentemente svolta l'assemblea degli azionisti Rai che aveva approvato le modifiche dello Statuto".
Condividi