Original qstring: print | /dl/rainews/articoli/Raid-Israele-a-Gaza-uccise-una-palestinese-e-sua-figlia-48e23f0c-072e-41e6-89d2-ca6da34ba259.html | rainews/live/ | (none)
Rai News
MONDO

Tensione in Medio Oriente

Israele risponde con un raid ai razzi da Gaza: uccise una palestinese e sua figlia

Raid in rappresaglia ai lanci di decine di razzi dalla Striscia di Gaza verso il territorio israeliano. La bambina aveva diciotto mesi, la donna era incinta. Fazioni palestinesi: "Escalation finita". Israele convoca il gabinetto di sicurezza

Una donna palestinese e la sua bambina di diciotto mesi sono state uccise in un raid israeliano nella notte tra mercoledì e giovedì nella Striscia di Gaza. Lo ha dichiarato il servizio locale di sanità palestinese. 

Enas Khammash, 23 anni, e sua figlia Bayan, 18 mesi, sono morte in un raid che ha colpito Jafarawi, nel centro della Striscia di Gaza; il marito della donna è rimasto ferito.

Israele ha effettuato una serie di raid aerei in rappresaglia ai lanci di decine di razzi dalla Striscia di Gaza verso il proprio territorio. Secondo l'esercito sono stati sparati circa 150 tra razzi e colpi di mortaio verso il sud di Israele, che ha risposto colpendo circa 140 postazioni nella Striscia 

Israele convoca gabinetto di sicurezza
Il gabinetto di sicurezza israeliano è stato convocato per questo pomeriggio, dopo la nuova escalation con la Striscia di Gaza. Lo riferisce il sito Ynetnews, aggiungendo che il primo ministro Benyamin Netanyahu terrà inoltre un briefing speciale sulla sicurezza nel quartier generale della Difesa a Tel Aviv con il ministro della Difesa, Avigdor Lieberman, il capo delle forze armate, generale Gadi Eisenkot, il capo dei servizi interni dello Shin Bet, Nadav Argaman, e il capo del Consiglio Nazionale di Sicurezza, Meir Ben Shabat.

Fazioni armate palestinesi: escalation finita
"L'attuale escalation a Gaza è finita". Lo fa sapere il centro di comando delle fazioni armate nella Striscia di Gaza, come riporta la tv satellitare al-Jazeera. "La resistenza ha risposto ai crimini del nemico a Gaza - aggiunge - Il mantenimento della calma a Gaza dipende dal comportamento dell'occupazione", ovvero da Israele.