ITINERARI

I dati

Rapporto Turismo del WEF: Italia tra le principali mete. Ma inefficienze e burocrazia la frenano

 Secondo il Travel & Tourism Competitiveness Index del World Economic Forum nel nostro paese "la priorita' del settore e' sprofondata (75esimo posto, giu' di 10 posizioni), per via dello scarso impegno del governo e di una debole strategia di marketing" scrivono gli esperti. In forte ascesa le mete asiatiche

Condividi
Italia meta da sogno del turismo mondiale, ferma pero' all'ottavo posto tra le 'top destination' dei viaggiatori, dopo Spagna, Francia e Germania, che avanzano, e Giappone, Gran Bretagna e Usa che si impongono.    

E' quanto emerge dall'ultimo rapporto del World Economic Forum, 'Travel & Tourism Competitiveness Report', che disegna un Paese dall"eccezionale' patrimonio culturale (5 posto), dalle straordinarie risorse naturali (12esimo posto) e dalle ottime infrastrutture (11esimo), ma afflitto da un male incurabile: un'aristocratica indolenza che da' per scontata una supremazia che potrebbe perdere.  

 "La priorita' del settore e' sprofondata (75esimo posto, giu' di 10 posizioni), per via dello scarso impegno del governo e di una debole strategia di marketing" scrivono gli esperti.

A contribuire alla scarsa spinta di competitivita' del settore i timori legati alla sicurezza e al terrorismo, ma anche altri fattori di arretratezza come "un ambiente di business poco favorevole, una burocrazia imperante, un quadro legale inefficiente e una tassazione poco favorevole", tutti argomenti che collocano il Paese oltre la 100esima posizione in una classifica di 136 paesi.     "E' importante che l'Italia - scrivono gli economisti del Wef - continui a rinforzare la sua competitivita' e la sua produttivita' settoriale per portare avanti sviluppo e crescita attraverso il settore viaggi e turismo".

Imbarazzante anche che l'Italia, tra i maggiori paesi industrializzati, non spicchi in classifica su altri elementi di attrattivita' per i viaggiatori, come salute e igiene (30esimo posto) e tecnologia per cui il Paese si colloca solo al 37esimo posto.




L'Asia è la calamita del futuro
Il rapporto del Wef evidenzia poi come sia l'Asia a divenare sempre piu' un area geografica piu' 'tourism-friendliness'. In una classifica infatti dominata da sempre dai paesi Occidentali, si sono imposti quest'anno il Giappone (4) la Cina (15), e l'India (40esima con un balzo di 12 posizioni). Notevoli i piazzamenti della Corea (19) e della Malesia (26). "Un'ascesa che dimostra - ha spiegato Tiffany Misrahi del Wef - che il 'Secolo del turismo asiatico' e' gia' arrivato".

"A determinare l'aumento di importanza di queste destinazioni asiatiche- ha aggiunto Roberto Crotti economista del Wef - il cambiamento fortissimo del settore e il miglioramento delle tecnologie in questi paesi".

In vista delle 'Quarta Rivoluzione Industriale' infatti la connettivita', suggerisce il rapporto, e' diventata un 'must' per i paesi che vogliono promuoversi e guadagnare in 'appeal'. Lo dimostrano anche il dinamismo di paesi super tecnologici, che aprono nuovi orizzonti ai viaggiatori: ad esempio mete come l'Indonesia (42esima piu' otto posizioni), l'Azerbaijan che, con un balzo di 13 posti si e' piazzato in 71esima posizione, infine l'Iran che sale di 4 posizioni e si colloca al 93esimo posto.    

D'altro canto il turismo, spiega il Wef, "si e' dimostrato essere uno dei piu' significativi impulsi alla crescita economica di un paese, contribuendo di massima a un aumento del Pil di circa il 10% e assicurando 1 posto di lavoro su 10 in tutto il mondo".


Condividi