Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Renzi-Lo-stop-a-Schengen-non-blocca-i-terroristi-Apple-a-Napoli-Grande-occasione-per-il-Sud-636166dd-0273-4153-80c8-94a3875dfe4b.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Intervista

Renzi: "Lo stop a Schengen non blocca i terroristi". Apple a Napoli? "Grande occasione per il Sud"

Il premier parla in radio a Rtl

Condividi
"Con la Merkel il rapporto è buono, la Germania ha bisogno dell'Italia e viceversa. Se si blocca l'export tedesco verso la Cina è evidente l'interesse che l'Italia si rimetta in moto sui consumi come per noi è fondamentale che la Germania svolga un ruolo di guida. La Merkel ha bisogno di un'Italia forte non a rimorchio". Così Matteo Renzi, a Rtl, in vista del faccia a faccia, venerdì prossimo a Berlino, con la cancelliera tedesca.

Schengen
"Schengen è molto messo in dubbio e per noi è veramente triste, la libera circolazione era il grande sogno europeo. giusto essere attenti contro il terrorismo ma non è che sospendendo Schengen si bloccano i terroristi: alcuni terroristi di Parigi sono cresciuti nelle nostre città". Il premier ha evidenziato che "c'è paura e mancanza di visione nella chiusura di Schengen che mette a rischio il progetto europeo".

Rappresentanza italiana a Bruxelles
"A Calenda ho chiesto di creare un team molto forte e di farsi sentire, fare incontri e iniziative. Si è detto che il mio atteggiamento in Ue è sbagliato perchè così parlano male di noi. Se smettiamo con l'atteggiamento di subalternità e cominciamo a dire che l'Italia ha energie e risorse fondamentali il rispetto arriverà naturale".  Lo afferma
Renzi, parlando della "mission" del nuovo capo della rappresentanza italiana a Bruxelles. 

Apple
"Assolutamente fondamentale che la grande partita di Napoli e del sud esca dai confini del pessimismo, vittimismo rassegnazione, ci sono grandissimi partner globali, come Cisco e Apple, pronti a investire". Così Matteo Renzi, a Rtl, alla vigilia dell'incontro, oggi, con Tim Cook, "un leader visionario", per la nascita di un centro app a Napoli. "Il mezzogiorno è ricco di occasioni di crescita e di sviluppo", ha aggiunto il premier.

Trivelle
"Il punto è se dove già sono in corso esplorazioni la concessione va avanti finchè c'è gas. La proposta del referendum è di bloccare tutto e questo significa perdita posti di lavoro ed è un controsenso perché se c'è gas e si stanno già facendo prelievi si blocca il lavoro a metà. Vedremo quello che diranno gli italiani ma non è referendum su nuove trivelle ma su quelle che già ci sono". Così Renzi sullo scontro con le Regioni sulle trivelle. "Vedremo se prevale il buon senso o lo scontro ideologico", aggiunge il premier riferendosi all'esito del referendum.

M5S
"Io i grillini vorrei abbracciarli forte: ogni volta che vanno a governare da qualche parte succede un casino". Così Renzi, sostenendo che a Quarto "secondo me Capuozzo aveva il dovere di governare perché aveva vinto le elezioni". 

Nannicini nuovo sottosegretario
"L'obiettivo è arrivare ad un jobs act dei nuovi lavori con una serie di agevolazioni per cui diventa più facile fare il propri lavoro. Bisogna semplificare anche il lavoro degli autonomi e su questo lavorerà il nuovo sottosegretario Tommaso Nannicini". Lo annuncia il premier in vista del rimpasto di governo.

Sarri? Omofobia crea sofferenza, attenzione
"Il punto vero è che il calcio ha un potenza pazzesca in Italia e all'estero. A fronte di tanta sofferenza creata dall'omofobia, come si vede da casi di cronaca, sul tema serve grande attenzione e rispetto e credo sia utile ogni segnale per evitare messaggi negativi". Così Renzi critica le offese del tecnico del Napoli Maurizio Sarri aggiungendo che "è tempo che certi frasi uscite negli ultimi anni nel mondo del calcio non si sentano più". 

Unioni Civili
"Una legge ci vuole e se su alcuni punti non troviamo l'intesa dobbiamo andare a votare a scrutinio libero". Matteo Renzi, a Rtl, ribadisce l'importanza della decisine del Parlamento sulle unioni civili, definendo il confronto nel Pd "acceso ma buono". Quanto alla scelta del ministro Galletti di partecipare al Family Day, per Renzi "i ministri sono liberi di andare a tutte le manifestazioni che vogliono, al Family Day come alle iniziative promosse dalla comunità Lgbt". "Io credo che - ha affermato il premier - quello della stepchild adoption sia un tema molto delicato, dobbiamo avere un principio di riferimento, una stella polare: l'interesse del bambino. Ciò che importa è il diritto del bambino a crescere nell'ambiente considerato più giusto". Su questo tema "c'è una discussione: il Parlamento voterà, vedremo se troverà una soluzione alternativa, ma spero che si faccia la legge in un tono civile, evitiamo che sia uno scontro".

Family Day?Dove c'è popolo io rispetto
"Dove c'è un popolo c'è sempre da avere un grandissimo rispetto". Così Matteo Renzi, a Rtl, sul Family Day di sabato 30 gennaio. Renzi ha lasciato piena libertà ai ministri "di andare a tutte le manifestazioni che vogliono".

Petrolio
"Il petrolio a 25 dollari rischia di diventare un problema per gli equilibri geopolitici quanto al prezzo alla pompa ho chiesto al ministro dello Sviluppo di usare la moral suasion, non abbiamo molti altri strumenti, per chiedere di far scendere i prezzi". Così il premier Matteo Renzi, a Rtl.

Riforme
"Gli italiani staranno dalla parte di chi vuole cambiare, c'è un'Italia che dice sì che vince su chi dice no". Matteo Renzi, a Rtl, si dice ottimista sull'esito del referendum sulle riforme, aggiungendo di non "arrabbiarsi" per le critiche di Pier Luigi Bersani che vede nel referendum il rischio che il leader Pd lo trasformi in un Armaggedon. "Non ho letto Bersani ma appena ho tempo lo leggo volentieri", ha minimizzato il premier.

Banche
"In Italia ci sono troppe banche forse perché in passato si è sistemata troppa gente. Le banche italiane, però, sono solide e non dobbiamo vivere nel terrore e nella paura". Così Matteo Renzi, a Rtl, aggiungendo però che per migliorare il sistema del credito "serve tanto", non solo il piano sulle bad bank ma anche "un provvedimento normativo per ridurre i tempi della giustizia civile" e contro i crediti in sofferenza "il modo migliore per superarli vincerlo è far ripartire l'economia perché se ritorna la fiducia e gli investimenti le sofferenze si riducono". 
Condividi