Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Renzi-banchetti-Pd-Bersani-750d2a21-7c7d-4561-91f3-55ee7cffe139.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Bersani, non sarei qui se pensassi che il Pd non è più di sinistra

Più di 2000 banchetti Pd nelle piazze italiane. Renzi a Rignano: "L'Italia può ripartire"

Per "Italia coraggio!" la dirigenza del partito è dispiegata sul territorio. Presente anche la minoranza dem

Condividi
Oggi e domani più di 2000 banchetti nelle piazze italiane con cui il PD si confronta con i cittadini e presenta i risultati ottenuti dal governo.

E' l'iniziativa di Matteo Renzi per rilanciare l'azione del Pd e mostrare che il partito è "spesso litigioso", ha "tanti difetti e limiti", ma sa mobilitarsi unito per "restituire all'Italia il ruolo che le spetta". Ai banchetti  anche la minoranza dem. In un weekend di "tregua", in nome del partito. 

"Oggi sta avvenendo qualcosa di meraviglioso, stiamo animando tutti insieme questa iniziativa in 2mila piazze italiane. Diciamo che il Pd non ha paura e che l'Italia deve essere in grado di ripartire". Così Matteo Renzi, da Rignano sull'Arno, spiega il senso della mobilitazione del Pd.

"Noi diciamo che dobbiamo avere il coraggio di abbracciare l'Italia, di vivere questa stagione di ripartenza anche dell'ecomomia", dice presidente del Consiglio, parlando con i giornalisti. "Il messaggio di oggi è di speranza per tutta l'Italia - ha aggiunto - è un momento anche difficile a livello internazionale. Però  l'idea di avere la forza, il coraggio, l'energia di far vedere di cosa l'Italia è capace, di cosa sono capaci gli italiani è un valore per tutti, a maggior ragione per il Pd. Con duemila banchetti, duemila piazze in Italia, in un momento in cui qualcuno vorrebbe chiuderci in casa - ha concluso Renzi - noi diciamo esattamente il contrario". 

"Con le tasse che finalmente vanno giù, per poter finalmente tornare a investire, questa stagione va vissuta con il sorriso, con l'entusiasmo, stando attenti, con tutte le prudenze del caso", ha detto Renzi.

"I segni che fanno la differenza sono il segno più sugli occupati, sui posti di lavoro", ha detto il leader Pd: "300.000 posti di lavoro in più, che sono soltanto l'inizio, con il Jobs act, con le tasse che vanno giù, che per me è fondamentale, saremo in grado il prossimo anno sempre di più di creare non solo posti di lavoro, ma anche occasioni di ripartenza". 

Poi il leader Pd parla anche del tema delle banche. "Cercheremo una soluzione. Il governo se ne farà carico. Il tema delle banche è un tema delicato. L'atteggiamento avuto dal governo è quello che ha permesso di salvate 4 banche, i posti di lavoro, i correntisti".

E sul Giubileo dice: "Da un punto di vista laico- organizzativo siamo molti convinti che faremo un grande lavoro per Roma e per i pellegrini che la visitano".

Bersani: se pensassi che il Pd non è più di sinistra non sarei qui
 "Se pensassi che il Pd non è più un partito di sinistra non sarei qui oggi", ha detto l'ex segretario Pierluigi Bersani a Fiorenzuola d'Arda, nel Piacentino, a margine di un incontro con gli iscritti al Partito Democratico per l'iniziativa 'Italia coraggio'. Tuttavia, ha aggiunto, "non basta dire sono di sinistra, bisogna fare concretamente quel che serve per essere un partito di sinistra: nel profilo, nei programmi, negli ideali". 

 A giudizio di Bersani, "la sinistra esiste in natura attraverso criteri di uguaglianza ma è come un fiore di campo, se non lo raccogli tu lo può raccogliere qualcun altro, anche una mano sbagliata o non in grado di portarlo avanti, quindi per me le idee di sinistra devono essere espresse da una forza riformista, di governo, sociale e liberale, che organizzi un campo di centrosinistra perchè per quanto un partito sia grande c'e' sempre qualcosa di buono fuori dalla porta".

Quindi, ha ribadito l'ex segretario del Pd, "non basta dire sono di sinistra, bisogna fare concretamente quel che serve per essere un partito di sinistra: nel profilo, nei programmi, negli ideali. Se dicessi che non sono preoccupato perché un po' di questo si è appannato non sarei sincero: bisogna che noi tiriamo su la nostra bandiera, i nostri ideali e il nostro punto di vista. Pensare che va tutto bene perchè tanto la sinistra c'è sempre e si possono andare a prendere dei voti anche a destra - ha concluso - è come vendere casa per andare a stare in affitto".
Condividi