Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Renzi-da-Merkel-a-Berlino-Merkel-urgente-accordo-con-la-Turchia-Renzi-Italia-pronta-a-ogni-sforzo-197ea4ec-342d-4a31-8018-ab0d51605d95.html | rainews/live/ | true
MONDO

La bilaterale

Bilaterale Merkel-Renzi. Merkel:"Serve accordo con la Turchia". Renzi: "Italia pronta a ogni sforzo"

Il premier: "La ripresa in Italia c'è, si tocca con mano. Sulla flessibilità non vogliamo nuove regole, ma che quelle che esistono siano applicate. La Merkel: "sulla flessibilità decide la Commissione Ue". Con la Germania - ha detto Renzi - "non siamo d'accordo su tutto, ma crediamo insieme che combattere la disoccupazione è combattere il populismo. Il nostro avversario è lo stesso" 

Condividi
Faccia a faccia a Berlino tra il premier Matteo Renzi e la Cancelliera tedesca Angela Merkel. "E' urgente un accordo sulla Turchia", ha detto la Cancelliera. Sull'immigrazione, ha detto Renzi, "siamo pronti a fare ogni tipo sforzo in questa direzione e pronti a superare le incomprensioni che pure ci sono state". La Merkel ha plaudito allo sforzo italiano sulle riforme e al jobs act. "Per la prima volta siamo qui con risultati e non promesse", ha detto il premier. Ma c'è stato uno scambio anche sulla questione della flessibilità. "Sulla flessibilità - ha detto Renzi - chiediamo che le regole Ue che esistono siano applicate, non chiediamo nuove regole". "La cosa bella - ha detto la Merkel - è questa. Che anche quando si tratta della comunicazione della flessibilità, entrambi accettiamo che ci siano interpretazioni della Commissione divergenti". "Non mi immischio in queste cose - ha aggiunto -. È compito della Commissione decidere l'interpretazione".

Italia e Germania unite per un'Europa più forte
"Siamo in un momento delicato della storia dell'Europa - ha detto Renzi - ne avverto tutta la responsabilità. L'Italia è unita alla Germania nel dire che vogliamo più Europa, un'Europa più forte, capace di dare le risposte a tutti i problemi dall'immigrazione all'economia". Con la Germania "non siamo d'accordo su tutto, anche perché veniamo da diverse famiglie politiche. ma crediamo insieme che combattere la disoccupazione è combattere il populismo. Il nostro avversario è lo stesso". "Grazie agli sforzi del governo italiano, alla collaborazione europea e agli amici tedeschi sono qui con un elenco di riforme e risultati e non di promesse. L'Italia non è più il problema dell'Europa e ha voglia di fare la propria parte, come doveroso e come la storia del nostro Paese ci impone". "Noi siamo i primi a dire che dobbiamo far scendere il debito: non lo dico per fare un piacere ad Angela, ma per fare un piacere ai miei figli".

Renzi: "Se l'Europa perde Schengen perde se stessa"
"Se l'Europa perde Schengen perde sé stessa: ogni sforzo che possiamo fare per mantenere vivo l'ideale europeo va fatto insieme" ha detto Renzi. "Per mesi l'immigrazione sembrava soltanto un problema italiano, adesso è un problema europeo che durerà mesi, forse anni".

Renzi: la ripresa in Italia c'è, si tocca con mano
"Nei primi 11 mesi 2015 l'import di prodotti tedeschi in Italia è aumentato del 7%. Non è un buon dato per il Pil ma è un segno che finalmente la ripresa in Italia c'è e si tocca con mano" ha detto il premier Renzi.
Condividi