Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Renzi-in-Algeria-Il-Mediterraneo-al-centro-della-politica-estera-italiana-beeab1ad-9068-4878-94b0-fb74a2dae972.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Algeri

Renzi in Algeria: "Il Mediterraneo al centro della politica estera italiana"

Il presidente del Consiglio incontra il primo ministro Abdemalek Sellal. Al centro della visita istituzionale i rapporti tra le due sponde del Mediterraneo

Condividi
Il Mediterraneo deve essere al centro della politica strategica italiana ed europea. Questo il messaggio del premier Matteo Renzi ad Algeri dove si trova in visita istituzionale.

Durante la conferenza stampa congiunta con il primo ministro della Repubblica Democratica Popolare, Abdemalek Sellal, il presidente del Consiglio ha ricordato la centralità dello spazio mediterraneo nella strategia economica e politica dell'Italia. La visita in Algeria rappresenta, ha ricordato Renzi, un'occasione per consentire a Roma di riprendere una leadership nei rapporti con i paesi africani che si affacciano nel Mediterraneo e che potrebbe concretizzarsi con l'Expo di Milano nel 2015.

In particolare con l'Algeria c'è sul tavolo la proposta dell'azienda Cevital di acquistare le acciaierie Lucchini di Piombino. Una proposta che Renzi ha definito "importante, segnerà sicuramente un ottimo passo in avanti nelle relazioni tra i nostri Paesi e nel business così importante per la costa toscana. Ne abbiamo parlato, attendiamo gli ultimi passaggi formali, ci prepariamo ad accogliere gli investitori algerini in Italia". L'affermazione di Renzi arriva proprio nel giorno in cui il Ministero dello Sviluppo economico ha dato il via libera alla cessione con investimenti di circa 400 milioni di euro e prospettive, a regime, di pieno riutilizzo del personale. 

L'asse tra Roma e Algeri è fondamentale anche per cercare di trovare un equilibrio in Libia, paese confinante con l'Algeria. L'instabilità di Tripoli preoccupa l'Italia e per questo motivo Renzi ha invitato il primo ministro Sellal a lavorare insieme per impedirne la divisione permanente e ottenere il massimo coinvolgimento della comunità internazionale.
Condividi