Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Riforma-Senato-Boschi-nessuna-caccia-al-senatore-40d02949-aa83-4c29-8a41-cf6a6603d7df.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

La discussione che spacca il Pd

Riforma del Senato, Boschi: "Nessuna caccia al senatore. Su art 2 discutiamo ma no immobilismo"

Sul comma 5 dell'articolo 2 della riforma del Senata sarebbe in corso la mediazione in queste ore decisive per la riforma. "Stiamo lavorando da giorni, no ad imputature" ha detto il presidente del partito Orfini. "Apriamo ma non accettiamo veti" commenta il vicesegretario Lorenzo Guerini

Condividi
Il ministro Maria Elena Boschi torna a parlare, inevitabile, di riforma del Senato. "Non c'è preoccupazione sui numeri - afferma dalla Festa dell'Unità di Bologna - non c'è una caccia al senatore come qualcuno racconta nei retroscena. C'è la volontà di avere una riforma condivisa prima di tutto all'interno del Pd e credo ci si possa arrivare".

"Noi apriamo - avverte anche vicesegretario Lorenzo Guerini - ma niente veti". Un messaggio all'ex segretario Bersani, accusato da Guerini di "irrigidire le posizioni per rompere". "Su listino c'è convergenza ma no a impuntature" dice il presidente del partito Orfini. 

Boschi: "Discutiamo comma 5 ma evitiamo immobilismo"
Sul comma 5 dell'articolo 2 della riforma del Senato, su cui sarebbe in corso la mediazione in queste ore decisive per la riforma, afferma: "Discutiamone, ma che questa discussione non sia la tentazione di ricominciare da capo, perché così ci infileremmo nell'immobilismo all'italiana".

Boschi ha auspicato che sulla legge la condivisione sia ampia, spiegando che il Pd comunque non si sottrae alla discussione. "Quella di lunedì e la venticinquesima direzione da quando Renzi è segretario del Pd - ha ricordato il ministro - mi sembra che la discussione ci sia ma ad un certo punto - ha concluso - devi prendere la responsabilità di arrivare ad una decisione".

Guerini: "Non capisco Bersani"
"Non capisco questa posizione di Bersani. Sembra quasi che anziché trovare un punto di intesa sul merito della questione, voglia irrigidire le posizioni per rompere. Noi andremo avanti con lo spirito di apertura ma non accettando veti che non servono al Pd" ha detto Guerini. "In democrazia i voti contano più dei veti - ha aggiunto - Spero che tutto il Pd voglia essere protagonista del cambiamento istituzionale di cui il Paese ha bisogno: ci sono le condizioni, non farlo sarebbe un atteggiamento irresponsabile".

Orfini: "Su listino c'è convergenza ma no a impuntature"
"Stiamo lavorando da giorni per un accordo sul merito mi sembra siamo vicini" ha detto anche Orfini. "Sull'ipotesi del listino sta maturando una convergenza larga - aggiunge -. Credo che dobbiamo lavorare su quello senza impuntature e radicalizzazioni del dibattito".
Condividi