Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Rimbalzo-per-le-borse-europee-Unicredit-annuncia-8mila-esuberi-5ddd202c-13a2-4659-94d9-b9b3c31420ac.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Mercati

Rimbalzo per le borse europee, Unicredit annuncia 8mila esuberi

Condividi
di Fabrizio Patti Ieri in borsa cali di oltre il 2% in Europa, questa mattina i mercati aprono con un rimbalzo. Il Ftse Mib di Milano segna +0,92%, Francoforte +0,70. Più limitata la crescita di Parigi, +0,19%, e negativa solo Londra, il giorno dopo l'annuncio che i cittadini europei avranno bisogno di un passaporto per entrare nel Regno Unito. 

In Asia questa notte ha prevalso il segno meno: come per la giornata di ieri, è stato l'effetto dell'annuncio di Donald Trump di nuovi dazi sull'acciaio e alluminio di Brasile e Argentina, in risposta alla svalutazione che i due Paesi metterebbero in atto, danneggiando gli agricoltori statunitensi. E poi la minaccia di altri dazi, quelli sulle esportazioni dei Paesi che imporranno la web tax: Francia ma anche Italia. 

Sotto osservazione lo spread, alla vigilia dell'Eurogruppo di domani in cui il ministro dell'Economia e Finanze Gualtieri ha avuto mandato di mediare sul Fondo Salva Stati. In apertura è in leggero rialzo, a 163 punti base, con rendimento del Btp all'1,35%.  
 
Tra i titoli Unicredit +1%. Alle 8 l'annuncio del piano industriale al 2023: ci sarà una riduzione di 8mila dipendenti full time equivalent e 500 sportelli, dividendi previsti per 6 miliardi di euro.  

Ma ieri è stata anche la giornata di Gedi, società editrice della Repubblica, La Stampa e di molte altri quotidiani, periodici e radio. Exor, la holding della famiglia Agnelli, ha rilevato dalla Cir della famiglia De Benedetti il 43,78% di Gedi, con un esborso di 102,4 milioni. Vendita compiuta dai figli di Carlo De Benedetti, dopo che questi aveva chiesto di ricomprare le proprie quote della società editoriale. Il titolo Gedi, ieri sospeso, sale del 60 per cento. 
Condividi