Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Rivolta-nel-centro-per-rimpatri-di-Ponte-Galeria-fuggiti-13-migranti-e5cbd8ad-98de-433c-90e6-fcc24411363f.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Roma

Rivolta nel centro per rimpatri di Ponte Galeria, fuggiti 13 migranti

Alcuni sono poi stati fermati e riaccompagnati nel centro di permanenza

Condividi
"Una violenta rivolta" da parte di migranti si è verificata venerdì al Cpr, Centro di permanenza per il rimpatrio, di Ponte Galeria a Roma. Lo denuncia il Sap, Sindacato autonomo di polizia, secondo cui i migranti "hanno devastato la struttura, appiccato fuoco a lenzuola e coperte, dopodiché circa 30 persone si sono date alla fuga. La maggior parte sono state rintracciate e fermate, dei restanti 13 non si hanno notizie. E’ stato l’ennesimo episodio violento che ha visto a rischio l’incolumità degli stessi poliziotti intervenuti, troppo pochi rispetto al numero di rivoltosi".

I migranti lamentavano che cibo non fosse buono, accusando anche che fosse scaduto, e che avevano pochi cellulari a disposizione. 

"La Segreteria Provinciale di Roma del Sap - si legge sul suo profilo facebook . - intende esprimere tutta la solidarietà del caso ai colleghi del Reparto Mobile e dell'Ufficio Immigrazione della questura di Roma che stanotte si sono trovati a fronteggiare l'ennesima rivolta e a contrastare le violente intemperanze degli 'ospiti' del Cpr di Ponte Galeria, che come noto ha riaperto da alcuni mesi". 

"Soltanto l'alta professionalità del personale ha scongiurato più gravi conseguenze e soprattutto ha impedito che nessuno rimanesse ferito in modo serio. - prosegue il post - Numerosi immigrati, dopo aver divelto infissi e danneggiato arredi ed essersi procurati lesioni con lamette e altre armi improvvisate, hanno scavalcato e forzato il presidio interforze posto a protezione e vigilanza della struttura. Dopo essersi dispersi nei campi adiacenti, alcuni sono stati fermati nei pressi di Commercity e riaccompagnati nel Centro. La situazione desta comunque molta preoccupazione".

"La Segreteria Provinciale del Sap di Roma, d'intesa con il Segretario Generale Stefano Paoloni, ha richiesto, con una nota urgente, un immediato intervento del Questore di Roma affinché vengano subito poste in essere tutte quelle azioni a tutela dei colleghi, oggetto di sistematici attacchi da parte dei clandestini trattenuti in attesa di essere rimpatriati". 
Condividi