Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Rogo-nel-deposito-di-rifiuti-in-Bovisasca-a-Milano-psicosi-per-aria-irrespirabile-Boom-di-mascherine-68e7292d-46f4-469a-949a-5ff5ff83697b.html | rainews/live/ | true
ITALIA

L'allarme

Rogo nel deposito di rifiuti in Bovisasca, a Milano psicosi per aria irrespirabile. Boom mascherine

Indaga anche la Dda, riunioni in procura

Condividi
È il meteo il principale responsabile dell'aria irrespirabile di Milano in seguito al grosso incendio che è scoppiato domenica sera alla IpB Italia di via Chiasserini, ditta di stoccaggio rifiuti che operava abusivamente nel quartiere Bovisasca-Quarto Oggiaro. Stando a quanto riferito dall'Arpa infatti la scarsa circolazione atmosferica sulla zona di interesse fa si' che l'odore acre, simile a quello della gomma che brucia - ed in effetti nel capannone c'erano prevalentemente gommapiuma e stracci - si spanda lentamente su tutta la città. Nelle ultime ore si è rilevata calma di vento o vento molto debole (la velocità è inferiore a un metro per secondo) di direzione variabile o, più frequentemente, proveniente dal quadrante nordest. Ecco che i quartieri investiti stamattina dai miasmi sono stati infatti Città Studi e limitrofi, mentre ieri ad essere stata interessata era stata la zona ovest della città, fino al Giambellino.

La situazione però potrebbe non migliorare visto che non si attendono variazioni di rilievo, e che nei prossimi giorni prevarranno condizioni di calma di vento. Le capacità dispersive dell'atmosfera risulteranno pertanto molto limitate e prevarrà una condizione di "ristagno della massa d'aria al suolo": ovvero l'alta pressione schiaccerà a terra la nube di fumo e il relativo olezzo.

L'incendio infatti - sebbene sotto controllo - è ancora in corso e i vigili del fuoco stanno procedendo a piccoli passi con lo smassamento visto che il tetto del capannone è pericolante. Non c'e' pericolo comunque per la salute: l'Arpa procede con i monitoraggi dell'aria sia nella zona interessata sia nel resto della città grazie ad uno strumento digitale, il Pid, dotato di display, in grado di misurare la concentrazione di sostanze. Intanto però sui social, ma anche per strada, nei bar e sui mezzi pubblici è psicosi: centinaia le segnalazioni a tutte le forze pubbliche da ogni parte della città. Mentre nelle farmacie è boom di acquisti di mascherine.

Intanto dal Comune si ribadiscono le raccomandazioni per gli abitanti della zona vicina all'incendio, quindi la zona nord ovest della città: "Tenere le finestre chiuse, sostare il meno possibile all'aperto, non mangiare verdura o frutta prodotte nell'area. Arpa infatti ha posizionato i rilevatori e nei prossimi giorni si avranno le analisi dell'aria: i valori saranno presumibilmente molto critici nei giorni dell'incendio ma dovrebbero diminuire drasticamente una volta spento. Si sta lavorando affinchè tale situazione duri meno possibile".

"È chiaro - dichiara l'assessore all'Ambiente Marco Granelli - che non possiamo più permettere che avvengano queste situazioni: la Magistratura e le Forze di Polizia stanno indagando e siamo convinti che lo faranno nel modo più incisivo possibile: non siamo la terra dei fuochi. Ma non basta: dobbiamo essere sempre più rigidi con gli impianti di stoccaggio e smaltimento. Con i rifiuti non si scherza. E meno male che le istituzioni stanno operando con fermezza: la Città metropolitana aveva fatto sopralluoghi positivi prima dell'estate, quando non c'erano rifiuti, poi aveva notificato il preavviso di diniego dell'autorizzazione a fine agosto, viste alcune irregolarità; ed infine giovedì scorso, insieme alla Polizia Locale di Milano, grazie ad una fattiva collaborazione tra Città metropolitana e Comune di Milano, c'è stata un'ispezione a sorpresa e un verbale che contestava la presenza di rifiuti non autorizzati. Dobbiamo stringere così e di più le maglie, Città metropolitana e Comune, Regione, Forze di Polizia e Magistratura. Milano che fa molto per l'ambiente non può subire questo trattamento da pochi individui che vogliono fare affari sui rifiuti e sulla nostra salute". 

Indaga anche la Dda, riunioni in procura
Sul maxi rogo alla IpB Italia sta indagando anche la Direzione distrettuale antimafia, diretta dal procuratore aggiunto Alessandra Dolci che è competente sul reato di traffico illecito di rifiuti. In procura, tra l'altro, sono aperti allo stato più fascicoli sull'incendio di tre giorni fa e anche su quello che lunedì mattina, a poche ore e a pochi chilometri di distanza dall'altro rogo, si è sviluppato in un'altra azienda di stoccaggio rifiuti a Novate Milanese. Nelle ultime ore ci sono state diverse riunioni in Procura tra i pm che seguono i diversi filoni di indagine. 
Condividi