Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Roma-con-voti-M5s-e-destra-si-a-via-per-Almirante-8fe686d6-15e9-419e-826a-185433abdea3.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

La polemica

Roma: con voti M5s e destra, sì a via per Almirante. Pd: ultima vergogna della sindaca Raggi

La prima cittadina: "Mi sorprende, non lo sapevo. Ma l'Aula è sovrana". La comunità ebraica: è una vergogna per la città

Condividi
Con una mozione presentata da Fratelli d'Italia, il Consiglio comunale di Roma ha detto sì per intitolare una via o una piazza a Giorgio Almirante (1914-1988), lo storico segretario del Movimento Sociale Italiano, partito politico di destra, di cui è stato uno dei fondatori, insieme con altri reduci della Repubblica Sociale Italiana. Ne fu leader dal 1947 al 1950 e poi dal 1969 al 1987.

La mozione è stata approvata con 23 voti a favore, due astenuti e un contrario.

Al momento della votazione in Aula Giulio Cesare erano presenti i gruppi consiliari di Fratelli d'Italia, lista civica Con Giorgia e Movimento cinque stelle.

Le opposizioni erano in precedenza uscite dall'aula per protestare contro l'assenza del sindaco Raggi.

Raggi: mi sorprende, non lo sapevo
"Mi sorprende, non lo sapevo perché sono qui da lei. Se lo condivido? Se l'Aula ha votato favorevolmente, è perché i consiglieri M5s si sono determinati in questo senso, quindi assolutamente sì, se hanno votato evidentemente vogliono intitolare una strada a questo personaggio. Il sindaco prende atto della volontà dell'Aula che è sovrana", ha detto Virginia Raggi durante la registrazione di Porta a Porta in onda stasera. 

Comunità ebraica: voto su via Almirante è una vergogna per la città
"La decisione del Consiglio Comunale di votare una mozione per intitolare una via a Almirante è una vergogna per la storia di questa città. Chi ha ricoperto il ruolo di segretario di redazione del Manifesto per la Difesa della Razza, senza mai pentirsene, non merita una via come riconoscimento". Così in una nota la Comunità ebraica di Roma.

Pd Lazio: l'ultima vergogna della sindaca Raggi
"'Il razzismo ha da essere cibo di tutti', scriveva il fascista Giorgio Almirante nel 1942. È gravissimo che il Movimento 5 Stelle si sia unito alle destre per permettere che Roma abbia una strada dedicata ad un razzista, come fu Giorgio Almirante. Roma sente ancora su di sè il dolore lancinante del 16 ottobre 1943, quando vi fu il rastrellamento del ghetto. Questo è stato il razzismo a Roma. Dedicare una via ad Almirante è l'ultima vergogna della sindaca Raggi". Così in un comunicato il vicesegretario del Pd Lazio, Enzo Foschi.

Pd Campidoglio: offesa ai romani
"Il presidente De Vito con l'ennesimo colpo di mano ha approfittato dell'abbandono dell'aula per protesta da parte del nostro gruppo contro il rifiuto della Sindaca Raggi di venire in aula a spiegare i suoi rapporti con l'avvocato Lanzalone e la nomina in Acea per inserire fuori sacco e senza il consenso di tutti i capogruppo l'intitolazione di una via a Giorgio Almirante. Una scelta discutibile che divide la città e che ci vede fermamente contrari. Con rammarico registriamo un voto d'aula del M5S favorevole alla intitolazione di una via  ad un personaggio politico che scriveva quanto segue: 'Il razzismo - scriveva il futuro segretario del Msi - ha da essere cibo di tutti e per tutti, se veramente vogliamo che in Italia ci sia, e sia viva in tutti, la coscienza della razza. Il razzismo nostro deve essere quello del sangue, che scorre nelle mie vene, che io sento rifluire in me, e posso vedere, analizzare e confrontare col sangue degli altri. Il razzismo nostro deve essere quello della carne e dei muscoli; e dello spirito, sì, ma in quanto alberga in questi determinati corpi, i quali vivono in questo determinato Paese; non di uno spirito vagolante tra le ombre incerte d'una tradizione molteplice o di un universalismo fittizio e ingannatore'. 'Altrimenti - scriveva ancora Almirante - finiremo per fare il gioco dei meticci e degli ebrei; degli ebrei che, come hanno potuto in troppi casi cambiar nome e confondersi con noi, così potranno, ancor più facilmente e senza neppure il bisogno di pratiche dispendiose e laboriose, fingere un mutamento di spirito e dirsi più italiani di noi, e simulare di esserlo, e riuscire a passare per tali. Non c'è che un attestato col quale si possa imporre l'altolà al meticciato e all'ebraismo: l'attestato del sangue'.

La deriva dei grillini in Campidoglio, frastornati dalla vicenda Lanzalone, evidentemente impedisce loro di discernere tra la Roma antifascista di Porta S.Paolo e medaglia d'oro della resistenza e un esponente del passato regime persecutore dei partigiani e fautore della vergogna delle leggi razziali del '38. Noi ci opponiamo a questa decisione e invitiamo la sindaca a recedere da tale riconoscimento che offende la coscienza di tanti romani".

Così in un comunicato il gruppo del Pd capitolino.

In passato la comunità ebraica aveva duramente respinto l'ipotesi di una via ad Almirante "perché collaborò alla 'Difesa della Razza' senza pentirsene". 

Alemanno: su via Almirante plauso a Fdi e M5s
"Un grande plauso politico per il gruppo di Fratelli d'Italia al Comune di Roma che è riuscito nell'impresa storica di far intitolare una via della Capitale a Giorgio Almirante. I consiglieri di Fdi sono riusciti ad ottenere quella convergenza trasversale su questa proposta che era mancata anche durante la mia sindacatura. Con il voto dei 5 Stelle l'intitolazione della via ad Almirante non è un risultato di parte, ma, come era anche il mio intento, il riconoscimento di quasi tutta la Città. Almirante ha sempre lavorato per la pacificazione degli Italiani e oggi a Roma possiamo dire che questo obiettivo sia stato raggiunto per merito del centrodestra e del M5S", dice l'ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno.
Condividi