Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Roma-domenica-referendum-sull-Atac-e-scontro-politico-c7160294-967b-428c-b11a-31704a1d8216.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Il caso quorum

Roma: domenica referendum sull'Atac, è scontro politico

Seggi aperti dalle 8 alle 20

Condividi
Un week end di metà mandato determinante per l'amministrazione a Cinque Stelle di Roma. Perché superato lo scoglio dell'inchiesta nomine, domenica ci sarà il referendum sulla messa a gara del servizio di trasporto pubblico fornito da Atac, se non proprio un test politico una sorta di cartina di tornasole su uno degli asset fondamentali e più problematici della città.

Ed infatti sul referendum, promosso dai Radicali, è in atto un aspro confronto politico, che vede da un lato i supporter del sì, da Unindustria al Pd e a FI; dall'altro quelli del no, dai sindacati al M5S, Leu-Si fino alla Lega, Fdi e ai movimenti di estrema destra come Casapound. Fronti compositi e trasversali che hanno rivelato anche alleanze tattiche inedite.

I seggi saranno aperti dalle 8 alle 20.

Il referendum, seppur di natura consultiva, è un banco di prova importante sia per il Campidoglio a 5 Stelle sia per le scelte fino ad ora compiute in materia di mobilità. In particolare, il sindaco Virginia Raggi da tempo rivendica la strada del concordato preventivo che l'Atac, azienda gravata da 1,4 miliardi di debiti, ha intrapreso sotto il suo mandato per risanarsi. Un percorso completamente in antitesi alla liberalizzazione, abbracciata invece dai dem. "I democratici votano sì perché a Roma serve una svolta", lo slogan del Pd romano.

Da più parti si sono fatti appelli al voto. Lo ha fatto Matteo Salvini che non è entrato nel merito:  "Ho una mia idea da autonomista ma da ministro non voglio interferire, io andrei a votare. Invito tutti ad andare a votare però non voglio fare invasioni di campo. Certo, poi c'è modo e modo di votare", ha detto. E un invito a recarsi alle urne è arrivato anche dall'attrice Sabrina Ferilli, già elettrice della Raggi ma negli ultimi tempi critica con l'amministrazione pentastellata. "Domenica c'è un referendum importante sulla gestione di Atac, un referendum del quale non si parla: io andrò a votare, il mio voto ci sarà", ha detto l'attrice in un video diffuso dai Radicali senza però dare indicazioni, "ognuno è libero di votare come vuole".

Appelli che chiamano i romani alle urne, circa 2,4 milioni gli aventi diritto, anche per superare il nodo quorum. Secondo il Campidoglio affinché la consultazione sia valida, essendo in presenza di un referendum consultivo e dunque non vincolante, sarà necessario raggiungere il quorum del 33,3%, ovvero un terzo degli aventi diritto (circa 760mila elettori). Ma secondo il Comitato promotore il quorum non deve essere applicato perché il referendum è stato proclamato il 31 gennaio 2018, lo stesso giorno in cui è stato approvato il nuovo statuto del Comune di Roma che non prevede il quorum. La diatriba finirà sicuramente davanti al Tar al quale il comitato promotore si è riservato di ricorrere.
Condividi