Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Roma-tentata-estorsione-ad-un-Pub-in-manette-Salvatore-Casamonica-dcbd067c-5b29-422f-adec-41583dd8a6b2.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Nel quartiere Tuscolano

Roma, tentata estorsione ad un Pub: in manette Salvatore Casamonica

Il 27enne pretendeva dal titolare di una birreria 500 euro a settimana per evitare 'incidenti'

Salvatore Casamonica
Condividi
E' stato arrestato questa mattina a Roma Salvatore Casamonica, 27 anni. L'esponente della nota famiglia finita al centro delle cronche, e delle polemiche, per il funerale stile 'padrino' celebrato nei giorni scorsi, è ritenuto responsabile di tentata estorsione nei confronti del titolare di un pub del quartiere Tuscolano, quadrante est della città.

Salvatore Casamonica aveva tentato lo scorso maggio, secondo l'accusa, di estorcere 500 euro a settimana al gestore del pub in questione, garantendogli una sorta di "protezione" in cambio del corrispettivo e paventando, in caso di diniego, il rischio che il gestore dell'esercizio commerciale o la struttura stessa potessero subire incidenti. Il titolare del pub non si è però lascito intimidire né in occasione della prima richiesta né qualche minuto dopo, quando Salvatore Casamonica è tornato nel locale in compagnia di un complice ribadendo nuovamente le richieste estorsive.    

Nella circostanza un amico del titolare della birreria era anche intervenuto per difenderlo, venendo malmenato.    

Le indagini, condotte dalla Polizia di Stato e coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma, hanno determinato, da parte del Giudice per le Indagini Preliminari, l'emissione della misura restrittiva della libertà personale eseguita oggi dagli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Tuscolano e della Squadra Mobile. L'odierna attività rientra nel più ampio dispositivo - spiega una nota - "preventivo e repressivo dei reati attuato dalla Questura di Roma, nonché dall'attenzione rivolta a fenomeni criminali che incidono direttamente sull'operatività economica degli esercizi commerciali vittime del cosi' detto  "pizzo"".    

E' peraltro solo l'ultima testimonianza dell'attenzione della Polizia di Stato e della Procura della Repubblica nei confronti delle attività delinquenziali poste in essere dal clan Casamonica, l'azione repressiva nei confronti del quale ha consentito, negli ultimi anni, l'esecuzione di 62 provvedimenti cautelari e il sequestro di oltre 3 milioni di euro in beni mobili e immobili. Sono 82 le persone soggette ai controlli da parte della Questura  in quanto destinatari della misura della sorveglianza speciale, misure cautelari o alternative. Di questi, 12 sono sottoposti alla Sorveglianza Speciale, e 2 anche con l'obbligo di soggiorno
Condividi