Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Salvini-Lavoriamo-per-formare-governo-Esclusa-una-collaborazione-con-Pd-tutto-possibile-ded678fe-40e2-45af-b80d-9938a3b396bf.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Centrodestra

Salvini: "Lavoriamo per formare un governo. Esclusa una collaborazione con il Pd, tutto è possibile"

Il leader della Lega: entro oggi contatto Di Maio, Martina e Grasso sui vertici delle Camere. Il gelo di Berlusconi: "Un'apertura per un governo con i 5 stelle? Io ho aperto la porta per cacciarli via"   

Condividi
Prove di dialogo tra Lega e Movimento 5 Stelle. A preannunciarle è Matteo Salvini. "Sento forte il dovere di tener fede al mandato di 12 milioni che hanno scelto il centrodestra e di quasi 6 milioni che hanno scelto la Lega: stiamo lavorando per dare un governo a questo Paese con un programma di centrodestra aperto ad arricchimenti, contributi e proposte ma non stravolgimenti. Sarebbe irrispettoso coinvolgere chi ha perso le elezioni e quindi no a qualsiasi governo che abbia al centro Gentiloni, Boschi, Minniti", dice il leader della Lega incontrando la stampa estera.

"Lavoriamo per un governo con una solida maggioranza politica, non recuperando questo o quel transfuga. Stiamo lavorando a un programma da offrire al Parlamento e a tutti gli altri. Non ho la smania di fare il presidente del Consiglio a tutti i costi: farò tutto quello che è umanamente e democraticamente possibile per rispettare il mandato degli elettori. Non sono disponibile a partecipare a un governo a ogni costo per fare il ministro per qualche mese".

"Nessun pregiudizio sui ruoli"
Tra lei e Di Maio c'è una contesa sui ruoli? "Non mi interessa chi vince: abbiamo un programma e chiunque venga al governo con noi deve impegnarsi a cancellare la legge Fornero, a ridurre le tasse al 15%, a rendere l'Italia più federale e meno burocratica. Se ci sono altri suggerimenti a partire da questo presupposto siamo ben contenti di accoglierli. Sui nomi e sui ruoli non ci sono pregiudizi di partenza, mi interessa il progetto: se c'è condivisione di progetto ragioniamo".

"Presidente del Senato? Onorato ma no" 
"Qualcuno mi ha fatto l'onore di fare il mio nome per la presidenza del Senato, mi riempie di gioia ma voi mi vedete come presidente del Senato?", dice poi Salvini. "Ho già in programma una decina di comizi ma come presidente del Senato sarebbe complicato. Sono onorato ma voglio fare altro, la risposta è 'no', nemmeno mia mamma ci avrebbe mai pensato, non è quello per cui mi sono impegnato e per cui mi hanno votato".

Il primo contatto con Di Maio
"Fino ad ora non c'è stato nessun contatto tra la Lega e il centrodestra con il Movimento 5 Stelle. Conto di realizzarlo oggi. Telefonerò a Di Maio per parlare della presidenza delle Camere. Chiamerò anche Martina e Grasso". 

Berlusconi: aperto a governo con M5S? Apro la porta per cacciarli
Sull'ipotesi di un esecutivo con i pentastellati Salvini incontra però il gelo di Silvio Berlusconi. "Ho aperto la porta per cacciarli via", risponde l'ex Cavaliere, arrivando alla Camera per l'assemblea dei gruppi di Forza Italia, a chi gli chiede se avesse aperto all'ipotesi di un governo con i Cinque Stelle. E nel corso della riunione propone un governo del centrodestra con l'appoggio esterno del Partito democratico sui singoli provvedimenti.

Tajani, non credo si realizzi governo Lega-M5S 
"Io non credo si possa realizzare un Governo Lega-M5S perché i deputati della Lega sono stati eletti anche con i voti di Forza Italia e Fratelli d'Italia. Non tradirebbero mai l'impegno preso con gli elettori. Sono stati eletti per fare un'altra cosa". Così Antonio Tajani Presidente Parlamento Europeo ai microfoni di Radio anch'io (Rai Radio 1). "Forza Italia è diversa dalla Lega. Siamo alleati ma abbiamo valori, linguaggi diversi. Siamo una parte determinante della coalizione di centrodestra. Forza Italia è una garanzia di stabilità, serietà, efficacia ed efficienza nell'ambito della coalizione di centrodestra", ha concluso.
Condividi