Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Salvini-accordo-Pd-5stelle-per-poltrone-e-governo-efaaa6ed-79d0-460b-be52-ca60a83e9f6f.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Salvini: accordo Pd-5stelle per poltrone e governo?

Condividi
"Incredibile che dopo un voto che ha cambiato gli equilibri e il volto del Paese, cacciato ministri, ci sia un governo delegittimato che mette mano a rinnovi di incarichi importanti e non urgenti come quelli dei Servizi. Che vergogna. E mi insospettisce il silenzio dei 5stelle: non vorrei ci fosse un accordo Gentiloni-Di Maio dietro l'angolo a partire dalle poltrone per arrivare al governo".

Così il segretario della Lega e nuovo leader del centrodestra, Matteo Salvini. Salvini ha poi aggiunto: "Andare al governo è il nostro obiettivo. Stiamo lavorando alla squadra e, nel rispetto delle scelte del presidente della Repubblica, siamo pronti a incontrare le forze politiche rappresentate in Parlamento".

In precedenza, il Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica (Cisr) si era riunito a Palazzo Chigi per accogliere in un decreto il parere espresso dal Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica - approvato qualche giorno fa a larghissima maggioranza - riguardante la possibilità di permanenza nel loro incarico degli attuali vertici dei servizi di sicurezza, in considerazione della imminente scadenza del Direttore del Dis Alessandro Pansa e del Direttore dell'Aise Alberto Manenti. Il decreto recepisce interamente tutte le osservazioni e le raccomandazioni formulate dal Copasir.

Secondo quanto apprende l'Agi, il presidente del Consiglio ha informato telefonicamente tutti i leader dei principali partiti, da Luigi Di Maio alla Lega. Il Presidente del Consiglio dei Ministri, sentito dunque il Cisr e recependo il parere del Copasir, ha disposto la permanenza per dodici mesi nei rispettivi incarichi di Pansa e Manenti, con l'intento di assicurare certezza e stabilità agli organismi che presiedono alla sicurezza della Repubblica.Ambienti di palazzo Chigi sottolineano l'eccellente lavoro svolto dai servizi di intelligence e ricordano come questa decisione non pregiudichi ovviamente in alcun modo la facoltà del futuro Presidente del Consiglio di prendere al riguardo le sue autonome decisioni.
Condividi