Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Salvini-sfida-Conte-sullo-sbarco-Io-non-consultato-non-autorizzo-niente-b1017c0b-7359-47b5-8792-ec16d85c03fc.html | rainews/live/ | true
MONDO

Polemica nella maggioranza

Migranti, Salvini sfida Conte sullo sbarco: "Io non consultato, non autorizzo niente"

Il vicepremier leghista agli alleati: "Le scelte si condividono e le riunioni si fanno prima non dopo, ma governo non cade". Ue: "Italia ci ha informato che accoglierà i migranti", ma ancora non è noto il numero. Vertice di governo in serata

Condividi
Si alza il livello dello scontro nel governo gialloverde sulla vicenda dei migranti che da settimane si trovano in mare a bordo della navi SeaWatch e SeaEye. Alle parole del premier Giuseppe Conte che aveva dichiarato "se non li faremo sbarcare li prenderò con l'aereo" perché "alla politica del rigore c'è un limite", e alla notizia dell'accordo raggiunto tra Malta e l'Ue per lo sbarco dei migranti replica secco il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini.

"Io non autorizzo arrivi di migranti", ha detto Salvini molto irritato, accusando gli alleati M5s di non averlo avvertito della decisione di prendere parte delle persone soccorse dalle Ong. "Le scelte - ha aggiunto - si condividono e le riunioni si fanno prima non dopo. L'estate scorsa i Paesi europei si erano impegnati a prendere 650 migranti sbarcati in Italia, ma solo 150 sono stati effettivamente redistribuiti" ha ricordato il ministro dell'interno tornando a criticare la decisione sui 49 soccorsi dalle due ong tedesche.

"Serve chiarimento nel governo"
Salvini ora chiede un "chiarimento". Si tratta, ha spiegato, "di una decisione che non ha senso, non ho capito questa accelerazione. Serve un chiarimento che ci sarà questa sera al mio ritorno". "Io sono il ministro che si occupa di pubblica sicurezza" ha aggiunto parlando con i giornalisti a Varsavia. Ma sulla possibilità che un tale scontro provochi una caduta del governo ribatte ai cronisti: "Il governo non cadrà. Lo dite tutti i giorni...".

Vertice di maggioranza per chiarimento 
E' in programma stasera un vertice di maggioranza, così come confermano fonti parlamentari. La riunione è stata convocata per avere un chiarimento politico sui tanti temi all'ordine del giorno, dal nodo migranti a quello delle nomine e al decreto sul reddito di cittadinanza e pensioni.

Giorgetti, no governo a rischio ma vicenda non risolta
"Non penso che il governo sia a rischio e non penso neanche che si possa considerare risolta la vicenda. Non vorrei, come giustamente ha ribadito più volte Salvini, che questo cedimento a chi traffica esseri umani possa aprire la strada a molte altre vittime del Mediterraneo". Lo ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti.

Battelli, Italia accoglierà alcune famiglie
"Grazie alla mediazione del premier Giuseppe Conte raggiunto l'accordo tra Malta e l'Ue per lo sbarco dei dei migranti di SeaWatch e SeaEye. Le famiglie andranno in vari Paesi europei, noi ne accoglieremo alcune. L'Europa che voglio elabora strategie comuni, rapidamente non dopo settimane". Così, su Twitter, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Sergio Battelli.

L'Italia è l'unico degli otto Paesi che partecipano all'accordo a non aver però ancora reso noto il numero dei migranti che verranno accolti, riservandosi di farlo solo dopo lo sbarco, secondo quanto si apprende a Bruxelles. Alla Commissione Ue comunque si aspettano tra le 20 ele 25 persone, ed in ogni caso un numero a due cifre. Germania e Francia ne riceveranno 60 ciascuno, il Portogallo 20, Olanda,Lussemburgo e Irlanda 6, la Romania 5.

Ue, Italia ci ha informato che accoglierà i migranti
"L'Italia ha informato la Commissione Ue che riceverà i migranti sbarcati a Malta e la priorità sarà data ai gruppi vulnerabili, come donne e bambini. La cooperazione tra Italia e Malta ha prodotto questo risultato positivo annunciato oggi, ma occorre trovare un meccanismo per evitare queste soluzioni ad hoc. Ne parlerò con i ministri dell'Interno al prossimo consiglio Ue".
Così il commissario Ue alla Migrazione Dimitris Avramopoulos alla domanda se non sia stata la chiusura dei porti di Italia e Malta a produrre la situazione a cui si è assistito nelle ultime settimane.

Gelmini: hanno vinto buonsenso e ragione
"Sbloccata la situazione navi SeaWatch e Sea Eye. Finalmente, era ora. L'Europa ha deciso di accoglierli. Alcuni arriveranno anche in Italia. Hanno vinto il buonsenso e la ragione. Adesso basta con emergenze, governo e Ue spieghino come affrontare il tema in modo strutturale". Così su Twitter Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia
Condividi