Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Samantha-Cristoforetti-restera-almeno-un-mese-in-piu-nello-spazio-colpa-del-cargo-Progress-3d338348-0e5d-4b39-b898-f2aa9baea67b.html | rainews/live/ | true
SCIENZA

Spazio

Samantha Cristoforetti resterà almeno un mese in più nello spazio: colpa del cargo Progress

Dopo le anticipazioni di RaiNews.it, arriva la conferma: posticipato il rientro dell'astronauta italiana e di due suoi colleghi, che era previsto per il 14 maggio. A causa dell'incidente alla navicella, è slittato il lancio dell'equipaggio che avrebbe dovuto prendere il loro posto 

Samantha Cristoforetti nella ISS (da Twitter @AstroSamantha)
Condividi
Gli astronauti attualmente sulla stazione spaziale internazionale, tra cui Samantha Cristoforetti, ritorneranno sulla Terra quasi un mese dopo, l'11 giugno anziché il 14 maggio, a causa del fallito lancio del cargo Progress M-27M, disintegratosi questa notte sul Pacifico. Dopo le anticipazioni di RaiNews.it, la conferma del posticipo è arrivata prima da una fonte del settore spaziale russo e poi dall'Esa e dall'Agenzia Spaziale Italiana.
 
Indagini in corso sull'incidente della Progress
All'origine di tutto, dunque, c'è l'incidente che ha coinvolto il cargo russo Progress. Il 28 aprile la navetta senza equipaggio diretta alla ISS ha avuto un problema ancora ignoto al momento del distacco dal terzo stadio del vettore Soyuz 2-1A e ha iniziato a precipitare. Sulla vicenda sono in corso delle indagini per identificarne le cause. Poiché il razzo è molto simile a quello utilizzato per portare in orbita gli astronauti e la navicella che utilizzano ha alcuni aspetti in comune con la Progress, da subito era stata ventilata l'ipotesi di far slittare per precauzione il lancio del 26 maggio, quello che avrebbe dovuto portare sulla ISS i tre astronauti che dovranno prendere il posto dell’italiana e dei suoi compagni di avventura Terry Virts (Nasa) e Anton Shkaplerov (Roscosmos).

Lancio ritardato per i prossimi tre astronauti
Secondo le ultime informazioni, il lancio del nuovo equipaggio non dovrebbe avvenire prima della fine di giugno o dell’inizio di luglio. Di solito sulla ISS gli astronauti si alternano negli arrivi e nelle partenze. Dei sei presenti a bordo, tre tornano sulla Terra e poco dopo altri tre li rimpiazzano. L'astronauta italiana, ad esempio, è partita dal cosmodromo di Baikonur il 23 novembre e ha preso il posto di astronauti scesi tredici giorni prima. In caso questo caso, il rientro di Cristoforetti, Virts e Shkaplerov nella prossima settimana avrebbe però lasciato solo tre persone sulla Stazione Spaziale Internazionale per oltre un mese, potenzialmente anche per un periodo ancor più lungo in caso di ulteriori rinvii. Un'eventualità che avrebbe potuto limitare le attività nel laboratorio orbitante.

"Sforzo" supplementare per AstroSamantha
Probabilmente per questo motivo è stato chiesto uno “sforzo” supplementare ai tre che sono in procinto di lasciare la Stazione Spaziale Internazionale: un mese in più in orbita che probabilmente a loro non risulterà comunque affatto sgradito. Samantha Cristoforetti è la prima astronauta italiana a volare nello spazio. In questo modo, tra l'altro, diventerà anche il primo astronauta dell'Agenzia Spaziale Italiana a trascorrere più di sei mesi consecutivi in orbita.
Condividi