Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Scola-Cinema-Museo-Bilotti-Roma-0c4796b2-5241-4095-b813-784e2c8997cb.html | rainews/live/ | true
SPETTACOLO

Omaggio a un grande del cinema italiano

"Piacere, Ettore Scola", il cinema in mostra

Rassegna al Bilotti di Roma fino all'8 gennaio 2017 

Ettore Scola
Condividi
E' stato uno dei protagonisti indiscussi del cinema italiano e la mostra "Piacere, Ettore Scola", al Museo Bilotti di Roma, ricorda il grande regista a pochi mesi dalla scomparsa con fotografie, disegni, oggetti di scena, carteggi e video.

La rassegna, a cura di Marco Dionisi e Nevio De Pascalis, è prodotta da Show Eventi, in collaborazione con CityFest, ed è aperta al pubblico fino all'8 gennaio 2017.

Divisa in nove sezioni, la mostra racconta per la prima volta la vita privata e artistica del regista, autore di alcune delle più belle pagine del cinema italiano.

La prima parte attraversa cronologicamente tutte le tappe fondamentali della sua poliedrica vita professionale, da giovane vignettista a sceneggiatore e regista. La seconda sezione è basata invece sulle amicizie, l'attivismo politico, i film di ambientazione romana, le passioni per il teatro e il disegno.

Tra le curiosità, viene esposta, tra l'altro, la leggendaria lettera di "Totò, Peppino e la malafemmina"(diretto da Camillo Mastrocinque nel 1956), cui Scola contribuì, e i numerosi premi internazionali che hanno costellato la sua carriera. Tra questi, le lettere ricevute in occasione delle sue nomination agli Oscar per il miglior film straniero - ben quattro - 'Una giornata particolare' (1978), 'I nuovi mostri' (1979, con Risi e Monicelli), 'Ballando ballando' (1984) e 'La famiglia' (1988); il Golden Globe per il miglior film straniero ('Una giornata particolare', 1978); il primo premio al Festival di Mosca ('C'eravamo tanto amati', 1975); l'Orso d'argento di Berlino (miglior regia per 'Ballando ballando', 1984); i numerosi David di Donatello e Nastri d'argento.

Scola fu inoltre premiato a Cannes per la regia ('Brutti, sporchi e cattivi', 1976) e la sceneggiatura ('La terrazza', 1980), e vinse tre volte il César, in due occasioni come miglior film straniero ('C'eravamo tanto amati', 1976 e 'Una giornata particolare', 1977) e una volta come migliore film di produzione francese ('Ballando ballando', 1983, anche miglior regia).
Condividi