MONDO

3 morti, 35 le persone ferite

Scontri a Charlottesville, McMaster condanna "suprematisti e razzisti"

La dura dichiarazione del consigliere per la Sicurezza nazionale arriva dopo le polemiche per la mancata condanna esplicita dei razzisti bianchi da parte del presidente Trump

Condividi
Dopo le roventi polemiche per la condanna generica e non esplicita da parte di Donald Trump delle violenze dei suprematisti bianchi a Charlottesville, arriva una posizione più dura dallo staff della Casa Bianca. "Condanno i suprematisti bianchi, i razzisti e i gruppi nazisti", afferma il consigliere alla Sicurezza Nazionale, H.R. McMaster. 

Gli scontri a Charlottesville, in Virginia, rientrano nella ''definizione di terrorismo'', dice ancora il consigliere della Casa Bianca alla Sicurezza nazionale in un'intervista a ABC. ''Ogni volta che si commette un attacco contro la gente per incitare la paura, e' terrorismo'' afferma McMaster, condannando gli incidenti. ''Sono un atto criminale contro gli americani. Un atto che potrebbe essere stato motivato dall'odio e dall'intolleranza, ma vedremo cosa emerge dalle indagini''.

Anche Ivanka Trump condanna i razzisti
"Non c'è posto nella nostra società per il razzismo, il suprematismo bianco e i neonazisti. Dobbiamo tutti riunirci come americani e essere un paese UNITO", scrive su Twitter - 24 ore dopo i fatti - Ivanka Trump, figlia del presidente Usa.



Tre morti e 35 feriti a causa degli scontri
​In Virgina ci sono stati tre morti e almeno 35 feriti a causa degli scontri tra neonazisti e suprematisti bianchi e un gruppo di antirazzisti. Un giovane alla guida di un'auto si è lanciato volontariamente contro la folla che contestava i razzisti uccidendo una ragazza (e su questo l'FBI ha aperto un'inchiesta per violazione dei diritti civili). Altre due persone, due agenti, sono morte nello schianto dell'elicottero della polizia che pattugliava l'area della manifestazione.

Fermato il 20enne alla guida dell'auto
E' stato identificato il conducente dell'auto che si è scagliata contro il corteo antirazzista di Charlottesville, in Virginia, uccidendo una ragazza e ferendo altre 35 persone. Si tratta del 20enne James Alex Fields, di Maumee, in Ohio. Oltre a lui altre tre persone sono state arrestate per aver partecipato agli scontri. 

La condanna di Obama e il ritardo di Trump
Anche l'ex presidente Obama ha condannato quanto accaduto, citando Nelson Mandela: "Nessuno è nato odiando un'altra persona per il colore della sua pelle o per la religione". Polemiche invece perchè Trump è intervenuto in ritardo senza condannare esplicitamente i suprematisti bianchi (come ha fatto notare in un tweet anche Hillary Clinton).






La più grande manifestazione di neonazisti degli ultimi anni
E' stata la più grande manifestazione di suprematisti e neonazisti degli ultimi anni, convocata contro la rimozione di una statua del generale sudista Lee che guidò le truppe confederate e schiaviste durante la Guerra civile americana (1861-65). Si è rivelata subito violenta tanto che il governatore dello stato della Virginia - il democratico Terry McAuliffe - è stato costretto a dichiarare lo stato di emergenza a Charlottesville. 


 
Condividi